Informazioni sull’uso dei cookie

Questo sito fa uso di cookie di profilazione di terze parti per la visualizzazione di annunci pubblicitari. Se accetti questo avviso, fai scorrere questa pagina o accedi a un’altra pagina del sito, acconsenti all’uso di questi cookie. Per ulteriori informazioni o negare il consenso, consulta l’informativa sulla privacy.

Wine Dharma

Morellino di Scansano: il vino, il vitigno, la storia e le caratteristiche organolettiche

Grappolo di Sangiovese, vino vitigno del Morellino di Scansano, vino rosso Quella del Morellino di Scansano è una DOCG che ha messo radici nel sud della Toscana, in Maremma, a pochi passi dal mare, in colline caratterizzate da un terreno acido e alcalino, ricco di sedimenti marini, dove un tempo era tutto un fiorire di paludi, in stile Camargue. Oggi, fortunatamente, bonificate e ricoperte di vigne.

E proprio questi vigneti, che godono di esposizioni ventilate e soleggiate, offrono dei vini eccezionali, molto intensi, con una carica acida raffinata, tagliente, ma sopratutto levigata e costruita, strato su strato, da ciliegie, mirtilli, violetta, peonia, muschio, maggiorana e tabacco inframezzati ad erbe aromatiche che fioriscono qua e là in un tannino vivace, ma molto pulito.

Vini di carattere che riconoscerete per la finezza dei tannini e la sapidità al gusto di pino-resina, o macchia mediterranea, che dir si voglia: insomma, se non siete mai stati in Maremma, sappiate che è una splendida zona tutta da scoprire, non solo per il vino, ma anche per la bellezza struggente del paesaggio.

Diciamolo subito: il Morellino di Scansano è uno dei grandi vini rossi italiani, forse un tempo era il cugino bistrattato del Brunello e degli altri big della Toscana, ma oggi è diventato uno dei protagonisti dell’enologia italiana.

Quali vitigni si trovano nel Morellino?

Non meno dell’85% di Sangiovese e due anni, di cui uno in botte per il Morellino Riserva. Alicante, Ciliegiolo, Colorino, Malvasia Nera, Canaiolo, Montepulciano, Merlot, Syrah, Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon sono i vitigni maggiormente utilizzati come gregari, ma molti producono anche Morellino con Sangiovese in purezza.

Veniamo al dunque: siamo in Toscana, patria di grandi vini rossi. Cosa rende particolare il Morellino di Scansano e perché dovreste preferirlo ad un Chianti, ad un Vino Nobile o un Brunello?

La risposta è semplice ed è sempre quella: questione di terroir.

Mare e clima asciutto e ventoso permettono alle uve di maturare alla perfezione, ma di mantenere grande finezza aromatica, non aspettatevi delle bombe fruttate, anzi è tutto giocato su sapidità e freschezza.

Altra punto a suo favore: il Morellino non è corposo e tannico come Brunello e Nobile, anzi ha dalla sua una piacevolezza deliziosa, ciò non significa che sia blando, perché comunque i suoi due anni di botte se li fa, Ma se siete alla ricerca di una vino rosso profumato e raffinato, avete trovato le bottiglie giuste da stappare.

Zone di produzione del Morellino di Scansano

Scansano e parte dei comuni di Campagnatico, Grosseto, Magliano in Toscana, Manciano, Roccalbegna, Semproniano.

Storia del Morellino

Nel 18978 venne riconosciuta al Morellino la DOC e solo nel 2007 la DOCG, anche se il disciplinare non è cambiato molto, questo a riprova della serietà dei produttori.

Se è vero che il Morellino di Scansano come lo conosciamo oggi è un vino relativamente giovane, nato da un lavoro instancabile di bonifiche e riqualificazione, ma i risultati sono entusiasmanti e questa zona, come il vicino Montecucco, è in crescita vertiginosa, soprattutto per quel che concerne la qualità.

Per finire una nota sul nome del vino: “Morellino” viene dai cavalli usati in questa zona, i morelli, basta, tutto qui, adesso iniziate a fare pratica e stappate qualche bottiglia!

Temperatura di servizio del Morellino di Scansano

Morellino di Scansano, come servire il Morellino toscano, guida al vino italiano Il Morellino non sarà il più strutturato dei vini, tuttavia è pur sempre un Sangiovese, quindi un minimo di ossigenazione è dovuta. Servite i vini giovani a 16-18 in calici ampi e quelli più maturi a 18-20.

In estate potete osare con qualche grado in meno per i Morellini più beverini.

Abbinare il Morellino al cibo

Bistecca alla fiorentina di razza Wagyu, cucina toscana, ricette toscane Il Morellino è un vino corposo e pieno, non tannico all’ennesima potenza, ma di struttura: scegliamo carni rosse, bistecca alla fiorentina, ribollita, tortelli alla mugellana, costine di maiale con salsa bbq, brisket, pulled pork.

Photo credits