Wine Dharma

Rinaldini-Azienda agricola Moro

Cantina il Moro Rinaldini: degustazione vini DOC colli di Scandiano e Canossa. La magia della natura L’azienda agricola Moro di Rinaldini Paola è una di quelle cantine di cui ci si innamora a prima vista. Da fuori è tutta immersa nei vigneti, sulle colline di Reggio Emilia, ma è quando si entra che arrivano le vere sorprese.

I sotterranei si allargano per più di mille metri quadrati e ospitano grandi botti di rovere per l’affinamento dei rossi più pregiati, mentre nella parte opposta riposano le pupitres per gli spumanti.

Visitare la cantina Rinaldini significa fare un tour del gusto nella tradizione della DOC di Scandiano e Canossa e di Reggio Emilia, da sempre famosa per la qualità dei propri vini. Inoltre è piccola quel tanto che basta per non sentirsi spaesati, ma grande abbastanza per avere a che fare con un’azienda dinamica e di ampio respiro.

Filosofia della cantina Moro Rinaldini

Essiccamento dei grappoli sulle arele. Vendita online dei vini Moro Rinaldini I grappoli vengono lasciati ad appassire sui graticci prima di essere vinificati La produzione è artigianale, sia nei numeri che nell’approccio in vigna e si basa su un lavoro rispettoso dell’ambiente con pochi e mirati interventi, per far sì che siano i sapori tipici del vitigno e del territorio ad emergere. I terreni sono alluvionali misti ghiaiosi e il sistema di allevamento per i 15 ettari di vigne è il cordone speronato, con alta densità di ceppi e rese molto basse.

Stile dei vini Rinaldini

La gamma dei vini Rinaldini è ben articolata e si presenta con autoctoni classici del territorio reggiano come Lambrusco, Malvasia e Ancellotta, ma è da segnalare la prova del Cabernet Sauvignon che merita più di un assaggio. Il Lambrusco è un trionfo di frutto e bevibilità, i rossi più importanti sono austeri e di grande finezza e per chiudere abbiamo la serie degli spumanti, vini aggraziati e molto tipici.

Moro del Moro, Emilia IGT

Agnello con riduzione di mandarino. Quale vino per l'agnello? Un rosso di corpo. Un piatto raffinato per un vino di stoffa come il Moro del Moro Il vino più rappresentativo della cantina: da uve appassite di Lambrusco Pjcol Ross e Ancellotta. Colore granato, perfetto ancora prima di averlo assaggiato. Il naso è balsamico, sontuoso, pieno di rimandi intriganti: un complesso intreccio di piccoli frutti rossi sotto spirito, spezie dolci, caffè, eucalipto e fiori appassiti. Al palato è ampio e caldo, con una struttura poderosa rifinita da sapidità e freschezza ottimale. L’allungo sapido sfuma lentamente in un finale di frutta matura e liquirizia. Tannini decisi ma fini; potenziale di invecchiamento di 10 anni. Da abbinare a pappardelle al cinghiale, gulasch, formaggi stagionati, anatra alla pechinese.

Pjcol Ross, Spumante Metodo Classico

Il Pjcol Ross proviene da un antico vitigno autoctono della Val d’Enza, abbandonato nell’epoca moderna per la scarsissima produttività. Impiantato su piede franco oltre quaranta fa, oggi ci regala questo spumante di grande struttura. Rosso porpora, con vivace spuma rossa. Il naso è scandito da raffinati richiami di frutta rossa, a cui fanno eco violette, menta, pepe, liquirizia e fresia. Sorso cremoso, schietto, asciutto, con un tannino corroborante, finale netto su scia fruttata-sapida. Un grande Lambrusco da abbinare alla cucina emiliana, zampone e cotechino, ma eccezionale anche con ostriche e zuppe di pesce.

Orom, Spumante Metodo Classico

Sushi e Maki. Scegliere il vino per il pesce crudo? Una Malvasia spumante DOC. Pesce crudo e Malvasia: un matrimonio sempre perfetto! La femminilità che nasce dal territorio, da uve di Malvasia di Candia aromatica raccolte alle prime luci dell’alba, ecco uno spumante di gran classe. Il naso è tipico con rosa, agrumi, pesca, salvia in bella sequenza. Il palato è dolce, ma vibrante, tutto percorso da una vena di freschezza che rende il vino elegante e sempre agile. Da abbinare a formaggi caprini, erbazzone, ravioli alla parmigiana, linguine alle vongole.

Vecchio Moro, Emilia IGT Lambrusco

Rubino con spuma porpora. Naso caratteristico, con viole ed iris che sbocciano tra more, maggiorana e mirtilli. In bocca la sensazione di freschezza è esaltante, sospinta da una trama tannica intarsiata di rimandi sapidi che rendono il vino estremamente bevibile, perfetto per bolliti misti, gnocco fritto e salumi, maiale in agrodolce, arrosticini di agnello.

Rosè, Lambrusco Frizzante dell’Emilia Rosato

Pizza ai porcini. Quale vino servire con la pizza? Un sapido rosato da Lambrusco Stappate questo rosato per la pizza e non ve ne pentirete mai! Lambrusco Marani e Salamino che incarna perfettamente il terroir reggiano. Il bouquet è di notevole finezza, con fiori e frutti rossi a giocarsi la scena, dal lampone alla fragolina di bosco. Il sapore è pulito e morbido, con spiccata mineralità, di buona persistenza. Un rosato dai mille volti, equilibrato, da abbinare a sushi, linguine ai frutti di mare, ma ottimo anche con la pizza.

Vigna del Picchio, Emilia IGT Rosso

Un rosso di grande carattere, frutto di vendemmia tardiva di Lambrusco Maestri e Ancellotta e delle caratteristiche uniche di queste colline. Il naso è un tripudio di frutti rossi sotto spirito, ginepro, pepe, spezie dolci e note terrose. In bocca è caldo e vellutato, sospinto da tannini spessi, ma torniti. L’acidità è sempre in primo piano a tratteggiare un profilo avvolgente, rigoroso. Finale lungo e appagante. Da sorseggiare con formaggi e salumi, costolette in salsa barbecue, bistecca alla fiorentina.

Cabernet Sauvignon Colli di Scandiano e Canossa Riserva

Brasato di manzo. Quale vino abbinare alla carne di manzo? Un Cabernet di corpo Creatività da abbinare alla struttura del Cabernet Sauvignon Colore rosso intenso con riflessi granato. Il naso è vigoroso ed etereo, con note speziate che si alternano a frutti di bosco e cacao. Il palato è caldo, gustoso, avvolge con tannini potenti, ma rotondi che conferisco una buona armonia generale. Si abbina alla cucina di carne e formaggi saporiti.

Rinaldo Brut, Spumante Metodo Classico

Uno spumante elegante da Chardonnay e Pinot Bianco. Oro pallido, sfoggia note di nocciole, mandorle tostate, agrumi canditi e crosta di pane, per proseguire con plum cake, pesche e ritorni minerali. L’assaggio mostra vivacità, struttura cremosa, ampiezza aromatica e uno slancio verticale sapido che da volume al vino. Da abbinare a tartare di spigola, risotto con ragù di gallinella, baccalà fritto alla romana.

Cabernet Sauvignon Colli di Scandiano e Canossa

Colore rosso rubino. Bouquet fresco, fragrante e persistente; sapore schietto asciutto di buona stoffa, con un giusto equilibro tra tannino ed acidità. Un Cabernet Sauvignon ottimo con le grigliate di carne.

Reggiano, Lambrusco DOC

Ravioli cinesi al vapore. Quale vino abbinare per i ravioli? Un buon Lambrusco! Ravioli cinesi al vapore e Lambrusco! Rosso rubino con spuma scarlatta. Note di mora e di visciola mature salgono alle narici, per poi ritrovarle sul palato con un invitante scia sapida. Acidità succosa e tannini dolci, chiude con finale tutto frutto. Accompagna la classica cucina emiliana, tagliatelle al ragù, alette di pollo allo zenzero.

Chardonnay Emilia IGT

Dai sentori di frutta bianca e fiori di campo che si esprimono in una danza gioiosa. In bocca è minerale, con preciso equilibrio gusto-olfattivo, di buona freschezza e beva piacevole. Adatto come aperitivo, per salumi e gnocco fritto, pasta al pesto, insalata di pesce.

Se volete acquistare i vini della cantina Moro Rinaldini oppure visitare la cantina per una passeggiata tra i vigneti, contattare Paola Rinaldini. Sconti e promozioni per i lettori-associati Wine Dharma.
email: [email protected]
Telefono: 0522 679190
Come raggiungere l’azienda agricola Il Moro: via Andrea Rivasi, 27, Calerno di S.Ilario d’Enza, 42040, Reggio Emilia
Bottiglie prodotte: 120000
Ettari vitati: 15.5

Photo credits