Wine Dharma

Chianti Rufina DOCG, uno dei grandi vini rossi della Toscana!

Storia del Chianti Rufina

Chianti Rufina DOCG. I grandi vini rossi della Toscana. Caratteristiche e storia La Rufina è una denominazione storica della Toscana, già riconosciuta con il famoso editto di Cosimo III de’ Medici nel 1716. Nominalmente fa sempre parte del Chianti, ma in realtà ha poco a che farci, anche il panorama è molto differente. Il clima è più fresco e l’escursione termica è maggiore, essendo a ridosso dell’Appennino e non in mezzo alle colline. Anzi, al contrario del Chianti Classico dove tutto è morbido e rotondo, abbiamo vini tersi, succosamente sapidi, con un’acidità affilata da temperature montane e un profumo roccioso che bilancia l’esuberanza della ciliegia e rende il frutto più elegante. Qui le radici delle vigne scavano tra i sassi e beneficiano delle correnti che vengono dal mare a ovest e si intrufolano nelle valli spazzando via l’umidità.

Zona di produzione del Chianti Rufina

Siamo a nord-est della città di Firenze, a ridosso dell’Appennino Tosco- Romagnolo e i comuni dove è possibile produrre Chianti Rufina sono Pontassieve, Rufina, Londa, Pelago e Dicomano.

Caratteristiche organolettiche del Chianti Rufina

La particolare conformazione geologica del terreno, composto da pietre calcaree, galestro e alberese, l’altitudine e le brusche escursioni termiche notturne rendono unico questo Sangiovese. Non solo abbiamo un vino estremamente bevibile ed elegante con spiccate note di ciliegia e viola, ma il tutto è incorniciato da una sapidità molto interessante che raramente si trova in un Chianti. I tannini sono vivaci, ma scolpiti da un buon affinamento. La versione Chianti Rufina Riserva grazie ad un buon estratto e ad una notevole acidità è un prodotto complesso e avvolgente, che può tranquillamente invecchiare per decenni.

Quali piatti abbinare al Chianti Rufina DOCG

Il Chianti Rufina è un vino pieno, carnoso, dal frutto vivace e in virtù della spiccata freschezza e delle note minerali si presta ad abbinamenti con la carne alla griglia, speziata e marinata, come shish kebab di agnello, arrosticini abruzzesi, filetto alla Wellington, ma è ottimo anche con i grandi classici della cucina toscana: zuppe di legumi, trippa alla toscana, carrè di agnello al timo.

Photo credits