Wine Dharma

DharMag luglio 2014 La baklava: il dolce che stregava anche i sultani

Baklava ricetta originale, dolce di pasta fillo miele e pistacchi Oggi vi proponiamo la ricetta per preparare la baklava greca: il dolce simbolo non solo della Grecia, ma anche di tutta la zona balcanica e della Turchia. Ogni paese ha una propria ricetta, quella greca si distingue per l’uso del miele nello sciroppo con cui dare il goloso tocco finale.

Con molta probabilità la baklava nasce in Turchia, dove fin dai tempi dei bizantini si preparavano dolci con ripieno di noci e miele.

Baklava greco ricetta originale, dolce con pasta fillo, miele e pistacchi La sua origine è ancora oggetto di studi per cui non si hanno ancora notizie certe. L’unica sicurezza è che la baklava è una piccola opera d’arte, un susseguirsi di croccanti strati di pasta fillo, intervallati da una farcia di noci e miele ingentiliti dalla cannella. Ecco la ricetta originale della baklava, ma state attenti alla calorie e agli zuccheri, che non sono pochi!

Ingredienti per preparare la baklava perfetta

  • 500 grammi di noci sbriciolate
  • 100 grammi di zucchero
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 230 grammi di burro
  • 500 grammi di pasta fillo
  • altri 100 grammi di zucchero
  • 1 bastoncino di cannella
  • 1 striscia di buccia di limone naturale, attenzione a rimuovere la parte bianca
  • 250 grammi di miele

Come preparare la vera baklava greca

Partiamo dalla pasta fillo, se avete comprato quella congelata lasciatela a scongelare in frigorifero la sera precedente.

In una ciotola mescolate noci, zucchero e cannella con un cucchiaio di legno, fino a creare un composto ben amalgamato.

Preparate lo stampo imburrandolo. Iniziate il lento e certosino lavoro di assemblaggio degli strati di pasta fillo. Adesso creeremo la base della baklava. Imburrate il primo foglio di pasta e poi mettetelo nello stampo, ripetete l’operazione fino ad avere almeno una decina di fogli.

Una aneddoto simpatico, ma che vi farà capire quanto sia serio preparare la baklava: gli ortodossi la preparano sovrapponendo 33 strati, quanti gli anni di Cristo.

Appena avete preparato la base, spalmate 1/3 della farcia con cura sulla pasta.

Ungete con il burro altri due fogli di pasta fillo e sovrapponeteli.

Spalmate ancora la farcia.

Sigillate con altri due fogli.

Altra farcia.

E adesso terminate con una decina di pasta fillo a chiudere il prezioso ripieno. Se è la prima volta che la preparate non esagerate con gli strati.

Tagliate la baklava e poi cuocete in forno a 170 C° per 30 minuti. La sommità della baklava deve diventare di un bel colore dorato.

Intanto che la baklava cuoce in forno, in un pentolino mettete lo zucchero, la stecca di cannella e la buccia di limone e lasciate cuocere dolcemente per 8 minuti. A questo punto aggiungete il miele e cuocete per un paio di minuti ancora.

Togliete la cannella e la buccia di limone e irrorare la baklava ancora calda con lo sciroppo, facendo attenzione a ricoprirla perfettamente. Tritate una manciata di pistacchi e distribuiteli sulla baklava.

Baklava: la ricetta originale greca, il famoso dolce di pasta fillo noci e miele Servite la baklava fredda. Se volete accompagnata da panna montata con menta.

Suggerimenti e varianti

Street food: Baklava ripiena di pistacchi immersi nel miele Ancora una volta sperimentate e non perdetevi d’animo. Preparare la baklava perfetta è possibile, ma raramente viene benissimo la prima volta. Finché non avete acquisito manualità, usate la pasta fillo già pronta e poi fatevela da soli in casa, solo così riuscirete a preparare un baklava degna di un sultano.

Baklava ricetta originale con le noci, baklava turca, baklava greca, ricetta Sentitevi liberi di sostituire nocciole, noci pecan o pistacchi alle noci per variare. Molto del sapore viene dallo sciroppo finale, potete aggiungere anche buccia di arancia o cedro e provare nuovi “gusti”.

Quale vino abbinare alla baklava?

Non un vino, ma una grande ratafia dall’Abruzzo, quella splendida, solare, dolce, ma con una freschezza incredibile della cantina Praesidium.

Photo credits