Wine Dharma

DharMag luglio 2017 Fake food: le millefoglie d'Italia mini snack Matilde Vicenzi sono una merenda sana per i vostri figli?

Millefoglie d'Italia Matilde Vicenzi, recensione sfogliatine e caratteristiche È con una certa malinconia che ci accingiamo a parlare di questo Fake Food: le millefoglie d’Italia mini snack di Matilde Vicenzi, ossia dei cannoli di pasta sfoglia ripieni di crema alle nocciole.

Le mitiche millefoglie di Vicenzi hanno scandito le giornate della nostra infanzia. A merenda, rubate di nascosto dalla nonna, che ne teneva a quintali nella dispensa, insomma è stato uno dei classici biscottini proustiani di molti di noi.

E allora ci siam detti proviamo questi nuovi mini snack che promettono meraviglie e sono ricchi di crema di nocciole!

Che dire dell’assaggio delle millefoglie d’Italia Matilde Vicenzi?

Cannoli alla crema di nocciole, millefoglie Matilde Vicenzi, recensione e prezzo Sono accettabili, anche se come molti prodotti industriali nati per durare mesi e mesi hanno il problema che sono secchi, pastosi, eccessivamente zuccherini e hanno quel retrogusto quasi oleoso, dovuto alla massiccia presenza di olio di palma e margarina, a sua volta fatta con olio di palma.

Diciamo che come gusto non sono neanche malvagie, certo, la crema di nocciole è poco incisiva e fatta con il 2% di nocciole, quindi ce ne sono ben poche a dire la verità per chiamarla crema di nocciole… Sarebbe meglio comprare le millefoglie normali e farcirle con una crema di nocciole vere, magari fatta in casa, se vi interessa ecco la ricetta di un grande pasticcere per la crema di nocciole.

Però il problema non è neanche questo. Come sempre il gusto è relativo e in questo caso, lo ribadiamo, il prodotto è accettabile.

Foto di bella donna, fornaia sexy, donna naked super hot sexy bakery Wendy ha detto no all'olio di palma! Il problema sono i grassi e gli zuccheri. Ci piace sparare sulla croce rossa? Non tanto è una constatazione e per questo va dato atto alla tabella nutrizionale di questo snack, molto chiara e specifica.

Per una porzione di 25 grammi, cioè una millefoglie ripiena abbiamo l’apporto di 3,20 grammi di grassi saturi, il 16% della razione giornaliera massima.

Per quel che riguarda gli zuccheri la razione è un po’ meno allarmante: 8% ma se considerate che su 25 grammi di merendina 7 grammi sono di zucchero la cosa non rincuora molto. Per darvi un’idea 7 grammi di zucchero sono 2 cucchiaini da caffè abbondante. Il doppio di quelli che trovereste in una fetta di pane con la marmellata di 10 per 4 cm. Quindi meglio non esagerare, soprattutto se volete servire questi cannoli ai vostri figli.

Il packaging di queste millefoglie d’Italia mini snack Matilde Vicenzi

Millefoglie d'Italia Matilde Vicenzi, calorie, zucchero: recensione dei cannoli Per una volta tanto non c’è molto da obiettare, l’immagine è sincera. Sì, forse hanno pompato ed enfatizzato il ripieno di cioccolato che deborda e sinceramente non è così ricco e cremoso, ma almeno non ci sono inganni. Quindi la trasparenza della confezione è promossa.

Millefoglie d’Italia, Mini Snack con crema alla nocciola di Matilde Vicenzi La sostenibilità ambientale è bocciata clamorosamente, ogni micro merendina è sigillata come se l’avesse avvolta Dexter Morgan prima di buttarle in mare e anche il vassoio è in plastica. Certo i cannoli devono essere impacchettati singolarmente per non seccarsi ancora di più, ma il quantitativo di plastica che avvolge 5 cannoletti al cioccolato è davvero scandaloso.

Il costo delle millefoglie d’Italia mini snack Matilde Vicenzi

Al super mercato abbiamo comprato la confezione da 125 grammi a 3 euro circa. Quindi 24 euro al chilo. Se considerate con 27 euro al chilo comprate della pasticceria artigianale di buon livello, fate voi i vostri conti.

Note

Olio di palma presente sia nella crema che nell’impasto.

Concludendo questi cannoli alla crema risultano accettabili per quel che riguarda il gusto, tuttavia la friabilità è troppo pastosa, collassa in bocca, per risultare croccante e goduriosa. La presenza dell’olio di palma è una spiacevole presenza di cui si può fare a meno.

Volete scoprire altri Fake Food da evitare come la peste? Ecco alcuni Fake da non perdere: Buitoni idea per… Noodles, cordon bleu vegani Kioene, vodka e redbull, Midori, winner taco, Nasi Goreng Arnaboldi, tagliatelle ai porcini di Quattro Salti in Padella Findus, Maxibon Cookie.

Photo credits