Quantcast
  • Home
  • Ricette
  • Whiskey cocktail: la ricetta perfetta del padre dell’Old Fashioned
0 0
Whiskey cocktail: la ricetta perfetta del padre dell’Old Fashioned

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Informazioni nutrizionali

189
calorie

Whiskey cocktail: la ricetta perfetta del padre dell’Old Fashioned

  • 5 minuti
  • Dosi per 1
  • Facile

Preparazione

Condividi

Quella che segue è una ricetta tratta dal primo libro stampato di ricette per cocktail, How to Mix Drinks, o Bon Vivant’s Companion, scritto da Jerry Thomas, noto barman dell’epoca. A differenza del moderno Old-Fashioned, questo drink non richiede ghiaccio, usa lo sciroppo al posto dello zucchero e viene servito in un bicchiere a stelo invece di un tipico bicchiere Old-Fashioned o rock.

Thomas probabilmente beveva whisky che all’epoca era ampiamente consumato negli Stati Uniti orientali, roba non proprio fine e questo ci fa capire la lavorazione del cocktail, che serve principalmente a rendere potabile il distillato. Shakerando con ghiaccio lo si allunga, mentre il gum syrup e l’amaro aggiungono profondità e sfumature a quello che doveva essere un torcibudella infuocato.

La dose di whisky è di 6 cl, due once o un “bicchiere di vino”, di whisky. Se non hai modo di usare il Boker’s, un amaro aromatico popolare durante il periodo in cui è stato scritto il libro, puoi usare Angostura o un altro amaro aromatico con un carattere simile. Attenzione, il Booker’s che si trova in commercio oggi è stato ricreato da una nuova azineda, ma non è quello originale, visto che a causa del proibizionismo, il buon Booker dovette chiudere la baracca. Bisogna ammettere che il Booker’s di oggi è abbastanza fedele all’originale e ha un piglio amaro di tutto rispetto.

La quantità consigliata di sciroppo di gomma può essere sostituita con mezzo barspoon di sciroppo semplice. Se proprio vuoi usare lo sciroppo di gomma, cercalo su internet e ne troverai più di uno.

Se vi viene la tentazione di addolcire il cocktail, resistete e provatelo così asciutto e ruvido. Calatevi nei panni degli alcolizzati americani dei bei tempi, dei pionieri e dei cercatori d’oro e assaporate la questa virulenta e spartana bellezza cristallina. Sicuramente non è molto bilanciato, ma è un’esperienza da fare.

Si parla di “fine ice”, vuoi mettetelo in un sacco di tela e dategli due colpo con un muddler per spaccarlo. Non esisteva un “bicchere vecchio stile” nell’era in questione; per un cocktail adatto al periodo, avrai bisogno di un bicchiere da vino piccolo e tozzo con una capacità di circa 6 once. Chicca finale, il libro di Thomas del 1887 conteniene una ricetta per un “whisky cocktail potenziato” in cui venivano aggiunti assenzio e liquore al maraschino, in piccole quantità. Da provare se ne avete il fegato.

Ingredienti

  • 4 gocce di sciroppo di gomma
  • 2 gocce di Boker’s bitters
  • 1 bicchiere di whiskey, circa 6 cl
  • un pezzo di scorza di limone

Come preparare il Whiskey Cocktail

Riempi uno shaker per 1/3 di ghiaccio spaccato grossolanamente, versa gli ingredienti, agita e filtra in un elegante bicchiere da vino rosso o da whisky.

Hamburger vegani di fagioli: la ricetta perfetta per fare burger senza uova né carne
precendente
Hamburger vegani di fagioli: la ricetta perfetta
Hamburger vegani di fagioli: la ricetta perfetta per fare burger senza uova né carne
precendente
Hamburger vegani di fagioli: la ricetta perfetta