• Home
  • Ricette
  • Tagliatelle con ragù di salsiccia piccante calabrese, pomodorini e rapini: la ricetta perfetta
1 0
Tagliatelle con ragù di salsiccia piccante calabrese, pomodorini e rapini: la ricetta perfetta

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Informazioni nutrizionali

100g
dose
280
calorie

Tagliatelle con ragù di salsiccia piccante calabrese, pomodorini e rapini: la ricetta perfetta

  • 40 minuti
  • Dosi per 4
  • Facile

Preparazione

Condividi

Oggi voglio condividere con voi una delle mie ricette preferite che porta in tavola il calore del Sud Italia: le tagliatelle con ragù di salsiccia piccante calabrese, pomodorini e rapini. Questo piatto è un vero trionfo di sapori, perfetto per riscaldare le serate in compagnia di amici e famiglia. Ma è anche perfetto per un pranzo informale se avete voglia di offrire un piatto di pasta rustico, pieno di sapore, calore e carattere.

Ingredienti (per 4 persone)

  • 450g di tagliatelle fresche
  • 300g di salsiccia piccante calabrese, sbriciolata
  • 200g di pomodorini, tagliati a metà
  • 50 ml di passata di pomodoro
  • 20 grammi di concentrato di pomodoro
  • 200g di rapini, puliti e tagliati
  • 2 spicchi d’aglio, tritati
  • 80 ml di vino bianco
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Sale e pepe nero, q.b.
  • Peperoncino in fiocchi, q.b. (opzionale per aggiungere piccantezza)
  • Parmigiano Reggiano, grattugiato per servire

Valori Nutrizionali (per 100g)

  • Calorie: circa 290 kcal
  • Proteine: 14g
  • Carboidrati: 35g
  • Grassi: 10g

Tempi

  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 25 minuti
  • Totale: 40 minuti

Preparazione:

  1. Rapini: Comincio cuocendo i rapini in abbondante acqua salata bollente. Dopo circa 4-5 minuti, quando sono teneri ma ancora vivaci, li scolo e li metto da parte.
  2. Salsiccia: Nel frattempo, in una padella capiente, riscaldo l’olio d’oliva e aggiungo l’aglio tritato con un pizzico di peperoncino, solo se mi va di aggiungere un extra di piccantezza. Dopo un minuto, aggiungo la salsiccia sbriciolata e la lascio cuocere fino a che non diventa bella croccante e dorata, schiacciandola e separandola con un cucchiaio di legno. In questo caso non serve ridurre ai minimi termini la salsiccia, potete lasciare qualche bocconcino più grande per dare consistenza al piatto.
  3. Sfumatura: È ora di sfumare con il vino bianco, lasciando che l’alcol evapori e che i sapori si fondano, raschiando il fondo della padella per non perdere nulla di quel concentrato di gusto.
  4. Aggiunte: Unisco i pomodorini tagliati, la passata, il concentrato e i rapini alla salsiccia. Lascio cuocere il tutto per altri 5-7 minuti, finché i pomodorini non cominciano a rompersi, amalgamandosi perfettamente con gli altri ingredienti.
  5. Tagliatelle: Mentre il sugo si insaporisce, cuocio le tagliatelle in acqua bollente salata fino ad al dente. Poi, le scolo e le trasferisco direttamente nella padella con il ragù, mescolando bene. Se necessario, aggiungo un po’ d’acqua di cottura per rendere il tutto più cremoso.
  6. Servizio: Servo le tagliatelle ben calde, spolverate generosamente di Parmigiano Reggiano grattugiato. È un piatto che riempie la casa di profumi invitanti e conquista chiunque lo assaggi.
Cavatelli con Salsiccia, Tartufo e Parmigiano Reggiano: una ricetta facile, veloce e buonissima
precendente
Cavatelli con Salsiccia, Tartufo e Parmigiano Reggiano: una ricetta facile, veloce e buonissima
Sandwich con gamberi e Fontina il panozzo definitivo
successivo
Sandwich con gamberi e Fontina: il panozzo definitivo
Cavatelli con Salsiccia, Tartufo e Parmigiano Reggiano: una ricetta facile, veloce e buonissima
precendente
Cavatelli con Salsiccia, Tartufo e Parmigiano Reggiano: una ricetta facile, veloce e buonissima
Sandwich con gamberi e Fontina il panozzo definitivo
successivo
Sandwich con gamberi e Fontina: il panozzo definitivo