Quantcast
  • Home
  • Ricette
  • Le grandi ricette della cucina emiliana: pappardelle alla pasta di salame fresco e fonduta di Parmigiano
0 0
Le grandi ricette della cucina emiliana: pappardelle alla pasta di salame fresco e fonduta di Parmigiano

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Informazioni nutrizionali

377
calorie

Le grandi ricette della cucina emiliana: pappardelle alla pasta di salame fresco e fonduta di Parmigiano

  • 20 minuti
  • Dosi per 4
  • Facile

Preparazione

Condividi

Come preparare le pappardelle perfette? Lo abbiamo chiesto allo chef Dallabona, un grande artista dei fornelli, il patron del ristorante Stella d’Oro un tempio dell’alta cucina che ogni gourmet conosce bene. Ecco una ricetta della cucina parmigiana semplice, ma con un gusto che riassumo la bellezza di queste terre e che punta tutto sulla bontà di pochi, sceltissimi ingredienti.

Ingredienti per le pappardelle alla pasta di salame fresco e fonduta di Parmigiano

4 persone

  • 400 grammi di tagliatelle all’uovo
  • 200 grammi di pasta di salame
  • 100 grammi di pomodoro
  • 200 grammi di panna fresca
  • 100 grammi di verdure miste tritate
  • 50 grammi di burro

Preparazione delle pappardelle alla pasta di salame fresco e fonduta di Parmigiano

Ricetta stellata: pappardelle alla pasta di salame fresco, fonduta di Parmigiano La ricetta è velocissima, soprattutto se riuscite a preparare in anticipo tutti gli ingredienti. Rosolare le verdure con il burro, aggiungere la pasta di salame sgranandola bene unire il pomodoro e terminare la cottura con un filo di panna per sciogliere il sugo. Sciogliere il parmigiano nella panna e portarlo in ebollizione, abbassare la fiamma e continuare a rimescolare.

Cuocere le tagliatelle, mettere la fonduta di Parmigiano come salsa a specchio, adagiare le tagliatelle nel piatto e al centro mettere la pasta di salame.

Quale vino abbinare alle pappardelle alla pasta di salame fresco e fonduta di Parmigiano?

Come bianco scegliete un vino di medio corpo, floreale, sapido in modo che possa contrastare la cremosità della fonduta e armonizzarsi con il salame. Una Malvasia di Candia dei colli di Parma per rimanere in zona Parma è ottima, come quella della cantina Carra di Casatico. Se ci spostiamo in Liguria da non sottovalutare è la sapidità del Riviera Ligure di Ponente Pigato e neanche la discreta eleganza del Vermentino, vedi la DOC Colline di Levanto bianco.

Se siete in vena di rosati un Negroamaro tipo il Lizzano rosato DOC con i suoi profumi di mandorle e melograno saprà tenervi buona compagnia.

Se preferite un cocktail il Negroni sbagliato è il cocktail ideale.

Ricetta su gentile concessione del ristorante Stella d’Oro, via Mazzini, 8, Soragna (PR)
Tel: 0524 597122

Uovo in Raviolo San Domenico con parmigiano dolce, tartufo di stagione burro
precendente
Uovo in Raviolo “ San Domenico” con parmigiano dolce, tartufo di stagione e burro di malga nocciola
Cappelletti romagnoli al formaggio ricetta originale di Pellegrino Artusi per fare la pasta fresca ripiena
successivo
Cappelletti romagnoli: la ricetta originale di Pellegrino Artusi per fare la pasta fresca definitiva
Uovo in Raviolo San Domenico con parmigiano dolce, tartufo di stagione burro
precendente
Uovo in Raviolo “ San Domenico” con parmigiano dolce, tartufo di stagione e burro di malga nocciola
Cappelletti romagnoli al formaggio ricetta originale di Pellegrino Artusi per fare la pasta fresca ripiena
successivo
Cappelletti romagnoli: la ricetta originale di Pellegrino Artusi per fare la pasta fresca definitiva