• Home
  • Ricette
  • Harissa: Il Cuore Piccante della Cucina Nordafricana
4 0
Harissa: Il Cuore Piccante della Cucina Nordafricana

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Informazioni nutrizionali

100 g
335
calorie

Harissa: Il Cuore Piccante della Cucina Nordafricana

Features:
  • Piccante
  • Vegan
  • 45
  • Dosi per 20
  • Facile

Preparazione

Condividi

L’Harissa è una pasta di peperoncino rossa e piccante, tipica della cucina del Nord Africa, in particolare di Tunisia, Marocco e Algeria. Questa salsa speziata è un condimento fondamentale in molte ricette di queste regioni e spesso si sono combattute faide e guerre civili su chi producesse la migliore e quale fosse la ricetta più riuscita.

Noi vi offriremo una ricetta standard, non troppo forte, poi, dopo qualche prova, troverete la vostra via. Ma ricordatevi che una volta provata, non si torna più indietro e ne vorrete sempre di più! E potrete usarla per elevare piatti casalinghi scialbi e modesti: anche un banale panino al tonno, uno spiedino di pollo, una maionese o un brodino invernale, tutto cambierà volto se ci metterete una puntina di harissa.

Come viene prodotta

La produzione di Harissa coinvolge la macinazione di peperoncini rossi secchi, che sono stati precedentemente ammollati in acqua. A questi vengono poi aggiunti aglio, coriandolo, cumino e a volte anche semi di carvi, tutti sapientemente tritati fino a creare una pasta. L’aggiunta di olio d’oliva ne conserva l’umidità e prolunga la durata di conservazione. In alcuni casi, il limone può essere aggiunto per un ulteriore tocco di acidità.

Caratteristiche organolettiche

L’Harissa ha un colore rosso intenso, una consistenza densa e granulosa e un sapore piccante e speziato, con note di aglio e spezie terrose. La sua intensità può variare a seconda della quantità e del tipo di peperoncini utilizzati nella sua preparazione.

Usi in cucina

L’Harissa è usata come condimento in molte ricette nordafricane, da zuppe a stufati, da tajine a couscous. Può essere utilizzata anche come marinata per carni o pesce, come condimento per insalate, o semplicemente spalmata su pane pita o grissini.

 

Zone di produzione

 

L’Harissa è principalmente prodotta in Tunisia, Algeria e Marocco, dove le condizioni climatiche favorevoli permettono la coltivazione di peperoncini dal gusto intenso a dalla piccantezza vulcanica.

Titolo: Harissa: Il Cuore Piccante della Cucina Nordafricana Meta description: Scopri l’Harissa, una salsa di peperoncino rossa e piccante tipica del Nord Africa. Scopri come viene prodotta, le sue caratteristiche organolettiche e come usarla in cucina.

Ingredienti

  • 10 peperoncini rossi secchi
  • 3 spicchi d’aglio
  • 5 grammi di sale marino
  • 8 grammi di cumino in polvere
  • 5 grammi di coriandolo in polvere
  • 1/2 cucchiaino di semi di carvi
  • Olio d’oliva extra vergine

Procedimento

  1. Iniziamo rimuovendo i gambi e i semi dai peperoncini secchi, per poi immergili in acqua calda per 30 minuti per ammorbidirli.
  2. Mentre i peperoncini si stanno rilassando in sauna, sbucciamo l’aglio e pestiamolo, senza fretta, con il sale marino in un mortaio fino a ottenere una pasta.
  3. Un passaggio fondamentale adesso. Le spezie vanno sbloccate: affinché rilascino i loro paradisiaci e balsamici profumi, vanno tostate. Molto semplice. Prendete una padella e tostate leggermente cumino, coriandolo e semi di carvi per qualche minuto, a fuoco dolce. Attenzione a non bruciarle, le spezie vanno trattate con riguardo e non vanno cotte, ma solo incoraggiate. Quando la cucina è invasa da un profumo incredibile, allora sono pronte! Mettetele nel mortaio e macinate le spezie tostate.
  4. Scolare i peperoncini ammollati, tenendo da parte un po’ d’acqua di ammollo. Adesso, metti tutti i peperoncini, l’aglio e le spezie in un frullatore o un robot da cucina e frulla fino a ottenere una pasta liscia. Puoi aggiungere un po’ d’acqua di ammollo se necessario per raggiungere una consistenza densa e cremosa, ma non acquosa, mi raccomando.
  5. Trasferite la pasta in un barattolo sterilizzato e coprite con tanto olio d’oliva fino a coprire la harissa completamente. Questa delizia può essere conservata in frigorifero per un massimo di 4 settimane, ma come ben sapete il peperoncino è un conservante naturale di portentosa potenza, per cui se tenete il barattolo ben chiuso e sempre coperto da un filo di olio, si conserverà senza problemi.

È importante ricordare che l’Harissa è molto piccante, quindi è meglio iniziare con una piccola quantità e aggiungere più salsa a seconda della tua tolleranza al fuoco, quindi niente fretta e passi da bimbo!

Valori Nutrizionali per 100g di Harissa

Valori nutrizionali Quantità
Energia 335 Kcal
Proteine 7.8 g
Grassi 31.3 g
di cui Saturi 4.4 g
Carboidrati 6.2 g
di cui Zuccheri 4.8 g
Fibre 3.7 g
Sale 0.2 g

 

Agua de Valencia cocktail: la ricetta originale spagnola
precendente
Agua de Valencia cocktail: la ricetta originale spagnola
Genepì liquore alla erbe, caratteristiche organolettiche, storia, metodo produttivo
successivo
Genepì: un liquore alpino con radici profonde
Agua de Valencia cocktail: la ricetta originale spagnola
precendente
Agua de Valencia cocktail: la ricetta originale spagnola
Genepì liquore alla erbe, caratteristiche organolettiche, storia, metodo produttivo
successivo
Genepì: un liquore alpino con radici profonde