Wine Dharma

Greco di Tufo: il vino, il vitigno, la storia e le caratteristiche di un vino prodotto da più di 2000 anni

Greco di Tufo vino, vitigno, storia, guida ai migliori vini bianchi italiani L'oro delle Cantine Di Marzo Il Greco di Tufo è uno dei grandi vitigni della Campania, talmente antico che è da più di 2000 anni che viene coltivato in quella che una volta era la Magna Grecia. Sarebbero stati i primi coloni giunti dalla Tessaglia sulle coste campane a portare in dote questo vigoroso vitigno. Durante l’eta Romana conobbe ancora più successo e divenne uno dei vini più apprezzati e bevuti dell’Impero.

Il perché di questo successo millenario è presto spiegato: il Greco è un vino caldo, sontuoso, strutturato, a tratti ribelle, ma dotato di personalità e grande profondità. I profumi classici del Greco di Tufo sono intensi: pesca, mela cotogna, mandorle, miele e fiori gialli. È un vino sontuoso, anche elegante, ma che non riesce ad essere fine e sottile, sì ci sono suggestioni minerali, è screziato, tuttavia è abbastanza prepotente, non si nasconde, ma ciò non significa che non sia un grande vino.

Zone di produzione del Greco

Attenzione, abbiamo parlato sempre di Greco di Tufo, perché la zona d’elezione è Tufo, ma è da sempre coltivato intorno al Vesuvio, nel Beneventano, Santa Paolina, Puglia e Calabria.

Greco: un vino solare

Al palato il Greco è salato, molto acido, molto ampio, molto strutturato, ha stoffa e spessore da vendere, ma picchia duro, è un vino difficile da domare, un po’ ingombrante e spesso l’affinamento in legno non fa altro che snaturare una vitalità esuberante non facile da contenere.

Diciamocelo subito il Greco di Tufo è un vino splendido e si trovano buone bottiglie in tutta la zona di Avellino, ma per trovare bottiglie eccellenti dovrete stapparne parecchie, non è un’impresa facile. Grazie al cielo ormai non esistono più i vini sgarbati, rustici ed iper acidi di una volta, la sensibilità dei vignaioli campani migliora annata dopo annata, anche se trovare una certa pulizia stilistica, senza rinunciare alla tipicità del vino, non è impresa facile. Considerate poi che il vino oltre ad avere una notevole acidità è anche propenso ad ossidarsi molto facilmente.

Il bouquet del Greco di Tufo

Naso caldo e avvolgente con miele, fiori gialli, pere e poi inconfondibili richiami minerali. Quelli che ve lo faranno riconoscere sono albicocca, biancospino, mandorla e mela cotogna, ci sono sempre. I profumi sono intensi e pieni, non è un vino timido.

Il sapore del Greco di Tufo

Greco di Tufo vino, vitigno, storia, prezzo, le migliori bottiglie di Greco Vendemmia alle Cantine Di Marzo In bocca è sapido, molto strutturato e mostra forza e acidità tonanti. La persistenza è eccellente, l’equilibrio difficile da trovare, ma quando è fatto bene, pur essendo alcolico, è un vino solare con una miriade di sapori che si intrecciano in una sinfonia irresistibile, soprattutto se abbinato a piatti di pesce importanti o carni bianche o piatti thailandesi con latte di cocco.

Costo del Greco di Tufo

Raramente troverete bottiglie invecchiate sopra i 30-40 euro, la fascia di prezzo ideale è quella che viaggia dai 10 ai 25. Il Greco è un vino da bere abbastanza giovane che nei primi anni di vita sa regalare piacevolezza e vigore, ma poi il rischio ossidazione è una variabile da prendere in considerazione.

Photo credits