Wine Dharma

Grüner Veltliner: il vino, il vitigno, le caratteristiche e la storia del principe dei vini austriaci

Grüner Veltliner vino, vitigno, caratteristiche e storia del vino austriaco Il Grüner Veltliner è il vitigno principe dell’Austria, lo troverete coltivato in ogni angolo del paese, tanto che corrisponde ad 1/3 della produzione nazionale austriaca.

Caratteristiche organolettiche del Grüner Veltliner

Da questo vitigno si ottiene un vino bianco abbastanza aromatico, tagliente, pieno di profumi di agrumi, ananas, erbe aromatiche, mandorle, rocce, cetriolo e pepe bianco. Se volete imparare a riconoscerlo cercate sempre i richiami verdi, fagioli, lenticchie, con un tocco pungente, tutto il vino è incentrato intorno al verde, ma non dovete pensare al Sauvignon Blanc, non è così spudorato, non riesce a scatenare una furia pirazinica simile.

Ma dopo tutto già il nome con cui è chiamato, Gruner, è indicativo, visto che grun in tedesco significa verde; non a caso un altro dei suoi nomi è Grumuskateller, ossia moscato verde. Molti con fin troppo zelo lo chiamano vitigno semiaromatico per via dei profumi inconfondibili, ma non serve scendere a un tale livello di inutile puntigliosità semantica.

Certo dopo un ventina di assaggi imparerete a riconoscerlo, ma non pensate alla noia di un opulento Gewurztraminer, tutto il contrario l’esperienza con il Gruner è molto più affine al Riesling. Ed è proprio con il Riesling che condivide tutta una serie di profumi minerali così intriganti.

Il sapore del Grüner Veltliner

Cosa da sapere sul Grüner Veltliner, guida dei vini, vino bianco Al palato è molto fresco, scattante, non molto alcolico, austero. Non è un vino grasso e opulento, anzi ti seduce con un profilo sottile, aggraziato, dove note leggiadre sono suonate su uno spartito di grande precisione.

Ormai non si fa altro che parlare di mineralità nel mondo del vino, tutti la rincorrono, in the new Black, ma nel caso di questo grande vino almeno lo potete dire senza paura di suonare ridondanti e modaioli. Il Gruner Veltliner è splendidamente sapido.

Zone di produzione del Grüner Veltliner

Grüner Veltliner Alto Adige, Valle d'Isarco, zone di produzione, caratteristiche La sua fulminante ascesa, al di fuori dall’Austria, è dovuta a caratteristiche di finezza ed eleganza che lo rendono unico. Tuttavia servono condizioni particolari: colline con buona altitudine e freddo, per trovare il giusto equilibrio tra zucchero, acidità e ricchezza polifenolica. Il Gruner è uno di quei vini che può esplodere se troppo maturo, quindi un buon compromesso tra ricchezza e acidità è la chiave per non oscurare la sua sottigliezza.

Se siete in Austria cercate i vini provenienti da Wachau in primis, poi Kamptal e Kremstal, ma anche il nostro Alto Adige offre ottime bottiglie di Grüner Veltliner, soprattutto la Valle d’Isarco. Se volete assaggiare Gruner del Nuovo Mondo, Napa Valley e Nuova Zelanda hanno poche, ma selezionate bottiglie.

Stili di vinificazione del Grüner Veltliner

Grüner Veltliner vino, vitigno, storia e caratteristiche, guida al vino bianco Come il Riesling, grazie alla sua acidità, riesce ad entusiasmare nei primi anni di vita per dinamismo, ma con qualche anno di affinamento sulle spalle evolve splendidamente, aprendosi ad un’evoluzione profonda. Viene affinato in acciaio e legno grande, mai tostato, le barriques nuove piallano inesorabilmente il suo fascino e sarebbe un peccato. Sinceramente un Gruner alla vaniglia non l’abbiamo mai assaggiato. Alcuni producono vini più grassi e decadenti, ma di contro il tasso alcolico è sensibilmente più alto e risultano vini molto carichi.

Temperatura di servizio del Grüner Veltliner

Stiamo parlando di un vino bianco acido profumato, quindi servite a 10 gradi.

Simile a…

Pensate ad un Verdicchio con una spruzzata di Riesling in un mare di lenticchie.

Il Grüner Veltliner in abbinamento con il cibo

Capesante al burro, da abbinare al Gruner Veltliner austriaco Carni bianche, verdure, cucina vegana, cinese e thai: tutto quello che contiene cumino e lemongrass sono i benvenuti.

Photo credits