Wine Dharma

DharMag settembre 2016 Pastrami: che cos'è e come si prepara la ricetta americana

Pastrami, panino americano con manzo, panino gigante, street food Il Pastrami è uno dei panini simbolo della cucina americana. Apparentemente è molto semplice: 2 fette di pane di segale, salsa, se volete, e poi fette di carne di manzo affumicato a volontà.

Spesso vengono serviti dei pastrami alti decine di centimetri con quantità di carne imbarazzanti.

Come per molte ricette americane, il pastrami venne importato nel 1800 negli Stati Uniti da una migrazione di ebrei dalla Romania, dove in realtà il pastrama era già in uso.

Kats Deli Pastrami a New York, il migliore street food americano Anche se a dire la vera pastirma, che significa carne schiacciata, viene dalla Turchia, la sua vera patria, dove troverete questa specie di “corned beef” prodotta in grandi quantità. Dopo tutto non è altro che carne sotto sale, a volte condita con spezie varie.

Ma torniamo alla ricetta del pastrami: il metodo più pratico, goloso e diffuso negli Stati Uniti per fare questo panino è farcirlo con il brisket, la famosa pancia di manzo affumicata alla texana.

Servono parecchie ore, almeno 8, e non poca pazienza per fare il brisket, ma una volta fatto ve ne innamorerete.

Se volete provare, ecco la ricetta originale del brisket texano.

Per il resto non ci sono particolari consigli, potete spalmare maionese, salsa tonnata, guacamole oppure la più gettonata senape sul pane, prima di sistemare almeno 7-8 fette di brisket.

A volte troverete anche pastrami con formaggio fuso, ma a quel punto il vostro colesterolo starà già esplodendo. Se passate dal Katz’s Deli, a New York, non fatevi prendere dalla foga e cercate di andarci in coppia per dividere il panino in due porzioni almeno…

Sempre al Katz’s Deli, se avete voglia di street food più rustico, provate il Pastrami con la lingua di manzo.

Basta, tutto qui, non vi serve sapere altro per fare il pastrami, accendete il bbq e buona fortuna!

Quale vino abbinare al Pastrami?

Scegliamo un vino rosso potente, speziato e con tannini vigorosi per tenere a bada tutta questa carne, come il Sangiovese Grotte Rosse di Salustri Leonardo, un Montecucco da non perdere. Se volete abbinare un vino ancora più strutturato, caldo e avvolgente il Ripasso della Valpolicella è la scelta giusta.

Se volete abbinare un cocktail, che sia il mitico e affumicato Negroni.

Photo credits