Wine Dharma

DharMag settembre 2014 Filetto di maiale alla griglia con glassa di prugne e grappa slivovitz

Filetto di maiale alla griglia con glassa di prugne e slivovitz: ricetta e dosi. Se è vero che il manzo è il re del bbq per le sue carni prelibate, che non hanno bisogno di molti condimenti, salse o preparazioni particolari, non dimentichiamo che il maiale rappresenta una valida e gustosa alternativa, magari non è la regina, ma forse potrebbe ambire a principe.

Anzi per alcuni versi è ancora più esaltante come “ingrediente”: lo potrete preparare in mille modi, soprattutto il filetto, che è uno dei tagli più utili in cucina. Il suo sapore dolce e morbido si presta ad innumerevoli marinature, alla cottura al forno, a glasse e salse di frutta e altri accostamenti sfiziosi.

Dopo un vacanza croata mi è venuta in mente questa ricetta basata su due prodotti che troverete in ogni angolo della Croazia: prugne e il loro beneamato figliolo, lo slivovtiz. Niente di strano, non vi preoccupate, lo slivovitz non è altro che un grappa distillata dalle prugne, i cui alberi punteggiano le dolci colline dalmate creando panorami splendidi.

Ma andiamo avanti con la ricetta, tutto sommato abbastanza semplice. Lo slivovitz aggiunge un sapore morbido e fruttato che si sposa divinamente con la dolcezza della carne, ma se non lo avete sostituite con grappa di prugne o grappa liscia, in questo caso però correggete con un pizzico di zucchero la glassa.

Ingredienti per il filetto di maiale alla griglia con glassa di prugne e slivovitz

  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • il succo di 1 arancia
  • 2 cucchiai di aceto di mele
  • 1 filetto di maiale, 1 kg
  • 1 cucchiaino di zenzero tritato

Per preparare la glassa di prugne e slivovitz

  • 300 grammi di prugne tagliate a pezzi e private del nocciolo
  • 75 grammi di zucchero
  • 150 ml di slivovitz
  • 3 cucchiai di olio
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 50 grammi di succo di arancia filtrata
  • 4 cucchiai di aceto balsamico
  • 4 spicchi di aglio
  • 2 foglie di salvia sminuzzata

Come preparare il filetto di maiale alla griglia con glassa di prugne e slivovitz

Partiamo dal filetto di maiale. In una ciotola mescolate il succo di arancia, l’aceto di mele, lo zenzero e l’olio e versate in un sacchetto di plastica da cucina, mettete dentro la carne e lasciate marinare in frigorifero per 2 ore.

Passiamo alle prugne. In una ciotola grande mescolate prugne, zucchero, slivovitz e lasciate marinare per 1 ora. Niente frigorifero.

Pulite e sminuzzate finemente la cipolla e fatela soffriggere dolcemente in una padella con un po’ d’olio di oliva, 10 minuti circa.

Aggiungete le prugne con il loro succo, il succo di arancia, l’aceto balsamico, la salvia, e l’aglio. Alzate la fiamma finché non raggiunge il bollore e poi abbassate e lasciate stufare a fuoco dolce per 40 minuti. Deve diventare una sorta di marmellata della densa. Condite con sale e pepe e togliete gli spicchi d’aglio.

Preparate il barbecue per una cottura diretta a calore medio, pulite e oliate la griglia e che inizino le danze! Scolate il maiale dalla marinatura e asciugatelo bene, condite con sale e pepe e poi cuocetelo sulla griglia per 10 minuti per lato, 20 in tutto. Giratelo ogni 3 minuti e ricordatevi di applicare la glassa di prugne alla carne quando mancano 7 minuti. Lasciate riposare 5 minuti, tagliatelo a fette e poi servitelo con la salsa di prugne in una ciotolina e una insalata di patate e pomodori.

Quale vino abbinare al filetto di maiale alla griglia con glassa di prugne e slivovitz?

Scegliamo un vino corposo, fruttato e speziato, il Cabernet Sauvignon della cantina Isola è un vino sontuoso ed elegante che si sposa a meraviglia con la dolce succosità del maiale.

Quale birra abbinare al filetto di maiale alla griglia con glassa di prugne e slivovitz?

Scegliamo la Gattomao, una strong ale belga di classe cristallina, modulata su note di malto, caramello e spezie che si alternano creando magniloquenti sensazioni sul palato. Birrificio Dada, Correggio, Reggio Emilia.

Se volete abbinare un cocktail il retrogusto fruttato del Sex on the Beach ci sta benissimo!

Photo credits