Wine Dharma

DharMag novembre 2017 Fiano di Avellino Cantina Nardone, Fiano is the new Chardonnay, baby!

Fiano di Avellino Cantina Nardone, Fiano is the new Chardonnay, recensione Fiano in the new Chardonnay è un titolo che abbiamo scelto provocatoriamente per parlare di un vino delizioso: il Fiano di Avellino della cantina Nardone. Ma parleremo ancora di Fiano, un vino incredibile, nobile, sontuoso e elegante come lo Chardonnay.

Ed è un peccato che il Fiano sia così snobbato, certo da un altro punto di vista significa che viene coltivato solo dove merita e quindi la produzione è sotto controllo e artigianale, come va di moda dire oggi.

Ma se considerate quanto siano simili Chardonnay e Fiano, quanto siano sapidi, acidi e burrosi se affinati in legno, quanto siano chiari i profumi di fiori gialli e di pesca, quanto siano simili di spessore gustativo, c’è da stupirsi.

Tutto questo entusiasmo è nato dall’assaggio di un Fiano di Irpinia di grandissimo fascino, il Fiano della cantina Nardone, un vino estremamente sapido, freschissimo, dotato di grande eleganza e profondità. Ma tutta questa bontà, la mineralità e soprattutto un’acidità squillante sono fuse in una struttura esemplare per bevibilità e spessore.

Detto così sembra un ossimoro, come fa un vino corposo e così ampio ad essere molto bevibile, perché la somma delle parti è maggiore delle singole parti e insieme l’equilibrio tra parti dure e morbide è già eccellente. Adesso certo è propenso alla freschezza, ma con gli anni maturerà, si arrotonderà, i toni agrumati diventeranno più canditi e i profumi terziari si svilupperanno.

Avocado Toast, panino americano con avocado, quale vino abbinare, Fiano Serve tempo, molti anni per gustare il Fiano al meglio, ma considerate che il Fiano Nardone che abbiamo degustato è un 2015 ed è ancora un fanciullo. Il bello è che potrete interpretare questo Fiano sia come un vino da pesce per un abbinamento immediato con sushi, cowder o carbonara di mare oppure lasciarlo in cantina ancora per 5 anni.

Il bouquet del Fiano di Avellino Cantina Nardone

Naso avvolgente con pesca, ginestre, frutta secca a non finire, salvia, rosmarino, tratti quasi maltati, mela e poi tracce minerali a non finire, e sono proprio queste suggestioni di roccia ad impreziosire il bouquet rendendolo splendido e profondo. Persistenza eccellente, pulizia incredibile e impronta territoriale. In ogni caso è un tratto molto affilato, il frutto è caldo, appena maturo.

Il sapore del Fiano di Avellino Cantina Nardone

Sorso tagliente, deciso, con l’acidità che viene sottolineata da una spiccata e piacevolissima sapidità. La rotondità è intrigante. Il ritmo è incalzante, non sta fermo un attimo, guizza da punte salate e ricordi miele con grande naturalezza. Come l’equilibrio tra le parti è già buono, ma adesso è ancora molto concentrato nella propria freschezza. Dategli 5 anni in cantina e non ve ne pentirete.

Un grande vino, dite addio allo Chardonnay, da oggi si beve solo Fiano.

Abbinamenti consigliati per il Fiano di Avellino Cantina Nardone

Pad Thai, piatto thailandese con gamberi pollo e tamarindo, abbinamento Fiano Fish and chips, tortelli di zucca alla mantovana, spaghetti alle vongole, spaghetti di riso con gamberi e verdure, maiale in agrodolce, vitello tonnato, ravioli di erbette alla parmigiana, risotto al tartufo, spaghetti alla carbonara, tagliatelle ai porcini.

Photo credits