Wine Dharma

DharMag maggio 2019 Primula Lucis Cesanese 2015 Tenuta le Quinte: la rivincita del vino rosso laziale

Primula Lucis Cesanese 2015 Tenuta le Quinte recensione e commento Il Primula Lucis Cesanese 2015 di Tenuta Le Quinte è un vino ricco e opulento, pieno di profumi e dalla struttura gagliarda, ma non pensate ad un Cesanese vecchio stile agreste con i tannini che ti prendono a sprangate le gengive. No, questo è di nuova concezione, più morbido, pulito, gentile, un vino che sicuramente vuole stringere l’occhio al grande pubblico, un vino domato, ma che sicuramente merita un assaggio.

Parlare di Cesanese è sempre un piacere: è un vino incredibile, di cui solo negli ultimi anni si è scorto il potenziale di eleganza e profondità, ma ormai, grazie al cielo, sono molto le cantine laziali che hanno intrapreso una riqualificazione, virando verso la qualità, lasciando perdere i vini iper-barricati in stile Punisher.

Ma veniamo a noi, la cantina le Tenuta Le Quinte ci ha stupito con questo Cesanese. Abbiamo assaggiato anche gli altri vini, ve ne parleremo, quindi niente fretta.

Il bouquet del Primula Lucis Cesanese 2015 di Tenuta Le Quinte

Elegante e diretto all’olfatto con una cornucopia di fiori appassiti incorniciata da note vegetali piacevoli, poi ciliegie sotto spirito e note di spezie leggere. Buona varietà, credibile nello sviluppo aromatico.

Il sapore del Primula Lucis Cesanese 2015 di Tenuta Le Quinte

In bocca è altrettanto aperto, compatto, saporito, con uno sviluppo naturale che lo rende goloso, ritmato, strutturato, ma mai prepotente. Tannini di grana fine: in una parola vellutato. Finale lungo con amarene e delicati ritorni erbacei.

Abbinamenti consigliati per il Primula Lucis Cesanese 2015 di Tenuta Le Quinte

Essendo un vino corposo, osate e offritegli carne e griglie ardenti: carne alla griglia, pulled pork, brisket, costine con salsa bbq, hamburger con Brie fuso.

Photo credits