Wine Dharma

DharMag giugno 2014 Bloody Mary cocktail: la ricetta originale

Cocktail con succo di pomodoro, limone e vodka: Bloody Mary. Mangia e bevi Siate creativi con la decorazione del Bloody Il Bloody Mary è un cocktail inconfondibile. Il suo colore rosso infuocato è unico, come il sapore speziato e caldo, vellutato, ma con un retrogusto piccante, che rende il cocktail perfetto per i caldi pomeriggi estivi come per le gelide serate invernali.

Storia del Bloody Mary

Il Bloody Mary nasce nel 1920, a Parigi, all’Harris Bar, dalla fervida fantasia di Ferdinand Petiot, e fu subito dedicato, con un colpo di genio, a Mary Stuart di Scozia, detta appunto la sanguinaria.

Bloody Mary cocktail, la ricetta originale con gli ingredienti e le dosi. Foto. Il primo cocktail consisteva solo in vodka e pomodoro, solo con il tempo si perfezionò la miscela che oggi è diventata uno dei cocktail più famosi al mondo. Ma vediamo la ricetta originale del Bloody Mary.

Ingredienti e dosi del Bloody Mary

  • 45 ml di vodka
  • 90 ml di succo di pomodoro
  • succo di mezzo limone
  • poche gocce di Salsa Worchestershire e Tabasco
  • sale e pepe

Come preparare il Bloody Mary perfetto

Spremete il limone e filtrate il succo.

Bloody Mary gigante in mixing glass, ricetta cocktail Bloody Mary In un mixing glass preparate la base del Bloody Mary con la salsa Worchestershire e il succo di pomodoro e limone, condite con sale e pepe e aggiungete 5-6 cubetti di ghiaccio, la vodka e qualche goccia di Tabasco.

Rimescolate delicatamente.

Bloody Mary cocktail, Bloody Mary ricetta originale, cocktail con pomodoro Versate nel bicchiere, filtrando con lo strainer, guarnite a piacere e servite.

Un tempo il Bloody Mary era bevuto nel dopo sbornia, perché si credeva avesse miracolose virtù ricostituenti. È un drink da bere nel pomeriggio-sera, calorico, alcolico ed energizzante, perfetto per fare un carico di energia, prima di passare al Mojito.

Data la sua natura di cocktail mangia e bevi, si presta a decorazioni estreme. Dal classico sedano, si passa ad alcuni stuzzichini presentati direttamente nel bicchiere: formaggio, uova di quaglia, cetriolo, cipolline rosse e capperi.

Se vi piacciono i cocktail a base di vodka, potreste trovare interessanti anche: il vodka tonic, il Sex on the Beach, il Cape Cod, il Dirty Martin, il Sea Breeze, l’Apple Storm, la Caipiroska, il Kamikaze, lo Screwdriver e chiudiamo con il Moscow Mule.

Quali piatti abbinare al Bloody Mary?

Bloody Mary con decorazione mangia e bevi di capperi e cipolline rosse Il Bloody Mary è un cocktail di corpo con un gusto fresco dominato dal pomodoro, non abbiate paura e osate con abbinamenti pesanti a base di carne rossa alla griglia come flank steak, spiedini di agnello, braciola di vitello con salsa ai peperoni. Ma è anche strepitoso con l’arrosto di manzo, praticamente fa da drink e salsa speziata.

Photo credits