Wine Dharma

DharMag gennaio 2015 La ricetta del Negroski: un cocktail per veri duri

Negroski cocktail con vodka bitter Campari e vermouth rosso, ricette cocktail Il Negroski è un cocktail che deriva dal Negroni, solo che al posto del gin, interviene la vodka.

Devo essere sincero, non avevo mai preparato il cocktail Negroski. Le mie papille gustative non ne sentivano il bisogno e sinceramente lo trovavo inutile: o l’Americano o il Negroni. Perché scomodarsi con la vodka, che non è che abbia un sapore esagerato, anzi diciamo pure che è la quintessenza della neutralità?

E invece mi sono ricreduto, il cocktail Negroski è buono ha un suo perché, questo viaggio alcolico verso il freddo Est è andato a buon fine.

Sebbene sia meno affascinante del blasonato progenitore a base di gin, per via della ridotta carica aromatica, risulta comunque un cocktail essenziale, ma intrigante, sicuro di sé e compatto, che se preso come aperitivo riesce a dare la giusta carica di euforia, senza appesantire eccessivamente. Il gusto del cocktail Negroski è più ruvido, meno screziato, ma sicuramente non gli manca la personalità, soprattutto se usate un buona vodka strutturata.

Ma cosa ancora più sorprendente il sapore liscio della vodka lascia spazio al gusto amaro del bitter, rendendo il drink perfetto per abbinamenti con carne affumicata, melanzane, moussaka, shish kebab e costolette glassate con salsa barbecue.

Ma andiamo alla ricetta del cocktail Negroski.

Ingredienti e dosi per fare il Negroski cocktail

Come fare il cocktail Negroski

Potete fare questo aperitivo sia in un mixing glass che direttamente nel bicchiere. In un tumbler basso mettete alcuni cubetti di ghiaccio, aggiungete i vari alcolici e mescolate delicatamente.

Negroski cocktail ricetta originale, come fare un grande cocktail con vodka Guarnite con una fetta di arancia e il cocktail è servito. Il gusto del Negroski è meno aromatico rispetto al Negroni, ma risulta più amaricante, per cui se volete sdrammatizzare aggiungete uno schizzo di seltz.

Photo credits