Wine Dharma

DharMag gennaio 2014 Cantine Ceci: degustazione e commento dell'Otello Spumante Rosé Extra Dry 2012

Tartare di tonno rosso, foto della ricetta. Tonno crudo con uovo e prezzemolo ]I Ceci ne hanno fatta di strada, dall’osteria che gestivano durante la Seconda Guerra Mondiale oggi possono vantare un produzione di un milione e mezzo di bottiglie.

In questo caso abbiamo nel bicchiere un blend molto riuscito tra Pinot Nero e Lambrusco, e il risultato è molto equilibrato. Le doti di leggerezza floreale del Pinot Nero ben si sposano alla natura più esuberante-polposa-fruttata del Lambrusco, restituendo una bottiglia di sostanza, di buon palato, ma non priva di un ventaglio intrigante di sfumature. Il naso è un tripudio di piccoli frutti, sottobosco, melograno e scorza di mandarino. Il palato è teso, affilato, ma equilibrato, il frutto è tenuto sotto controllo da bolle precise e ritorni agrumati. Un rosato da abbinare a risotto con anguilla, tartare di tonno oppure Hobak Jun (호박전) pancake di zucca alla coreana.

Photo credits