Wine Dharma

DharMag febbraio 2017 Come fare le chiacchiere di carnevale perfette? Ecco la ricetta e ricordate: mai al forno please!

Chiacchiere di Carnevale ricetta originale, sfrappole ricetta facile Carnevale si sta avvicinando, manca poco ormai, quindi oggi ci dedicheremo ad una ricetta che più carnascialesca non si può: le chiacchiere o sfrappole che dir si voglia.

Sappiamo che è uno di quegli argomenti culinari non solo deliziosi, ma anche molto spinosi: ogni pasticcere, ogni persona ha una ricetta speciale nel cuore. Che non ricorda le chiacchiere della nonna?

O quelle mangiate nei primi mesi di pubertà?

Chi non si è innamorato condividendo una chiacchiera con la vicina di banco a scuola alle elementari?

Piramidi, foto delle Piramidi al tramonto, aperitivo egiziano dei Faraoni Le prime sfrappole sono state rinvenute 5000 anni, proprio qui! Insomma gli aneddoti sono tanti, ma noi taglieremo corto e non vi racconteremo che anche gli Egiziani facevano le sfrappole in onore del dio Anubi, perché non è vero, tuttavia la ricetta delle chiacchiere che vi forniremo è straordinaria.

Sapete perché?

Perché non l’abbiamo fatta noi: è della mitica trattoria Cattivelli e non hanno mai sbagliato un colpo. Provare per credere!

Ingredienti per fare le chiacchiere di carnevale

  • 1,2 kg di farina
  • 200 ml di olio di oliva
  • 1 bicchiere di grappa-vodka-rum-whisky
  • 5 uova
  • 1 bustina di lievito
  • un pizzico di sale
  • latte freddo
  • 200 grammi di zucchero
  • 1 cucchiaino di vaniglia
  • la buccia di un limone biologico non trattato

Come preparare le chiacchiere di carnevale perfette

La ricetta non è complicata e sugli ingredienti non sono scritti sulle tavole del fritto di Mosè, quindi potete sperimentare finché volete.

La fase più delicata è ovviamente la frittura: pentola capiente, tanto olio, cappa potente per aspirare i fumi e olio sempre in temperatura. Un termometro vi tornerà utile. Se l’olio fuma o si annerisce troppo, cambiatelo.

Poco fritto e buono: meglio non rischiare.

Ok, partiamo.

Setacciate la farina e condite con lo zucchero e il lievito. Versatela su un tagliere, fate la fontana, mettete in mezzo le uova, la buccia di limone grattugiata e l’olio. Se sono solo per adulti aggiungete un bicchiere di grappa, rum, whisky, quello che vi piace.

Mescolate inglobando la farina poco alla volta fino ad ottenere un impasto elastico e sodo, quasi come quello della pasta fresca. Leggermente più umido però. Un bicchiere di latte vi aiuterà.

Avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare in frigorifero per 6 ore.

Stendete la sfoglia per le sfrappole con l’aiuto di un mattarello e un pizzico di farina, poi tagliate dei maltagliati o delle strisce non troppo larghe, ma lunghe anche 8-10 cm.

Preparate un pentolone di dimensioni gargantuesche, riempitelo d’olio (2 litri bastano), portate la temperatura dell’olio a 180 gradi e gettate le chiacchiere nell’olio bollente.

Non buttate troppe chiacchiere nello stesso momento, ogni volta che ne gettate una la temperatura si abbassa, quindi alzate un pochino la fiamma.

Friggere le chiacchiere di Carnevale, coma fare le vere chiacchiere fritte Non affogatele, aspettate un paio di minuti, poi giratele e scolatele non appena si gonfiano e diventano croccanti.

Scolate su carta assorbente e spolverate con zucchero a velo.

Chiacchiere ricetta originale di Carnevale, le chiacchiere perfette solo fritte Ed ecco pronte le chiacchiere di carnevale perfette, niente di difficile, ma nessuno riuscirà a resistere.

Quale vino abbinare alla chiacchiere di carnevale?

L’abbinamento sfrappole vino è esaltante, possiamo spaziare molto, da un semplice Asti Spumante, passando per un Porto oppure il mitico Recioto della Valpolicella della cantina Fratelli Vogadori.

Ricetta su gentile concessione del ristorante Cattivelli
Via Chiesa di Isola Serafini, 2 - 29010 Monticelli d’Ongina (PC)
Telefono: 0523 829418
Mail: [email protected]

Photo credits