Wine Dharma

DharMag dicembre 2015 Bloody Maria cocktail: ecco la ricetta della cugina messicana della vecchia Mary!

Bloody Maria cocktail ricetta originale, Bloody Mary con tequila pomodoro Tra tutti i distillati la tequila è quella che approccio con più cautela, il suo gusto intenso e lisergico è un’arma a doppio taglio: marca molto, ma se miscelata in giuste dosi rende un cocktail indimenticabile.

E allora oggi prepareremo un cocktail particolare, che forse non piacerà a tutti, anzi va controtendenza in questa epoca dominata da gin e vodka, ma che con molta probabilità renderà felici gli amanti della tequila e riuscirà ad avvicinare a questo sontuoso distillato, anche chi non lo ama.

Il cocktail questione è il Bloody Maria, la versione messicaneggiante del Bloody Mary.

Diciamo subito che siamo su un altro pianeta, il gusto è disorientante, rocambolesco, ma pieno di fascino, con le note dolci del pomodoro che esaltano il gusto aromatico di agave della tequila.

In fondo trovate anche una versione chupito del Bloody Maria, per dei cicchetti già pronti da gustare in stile bum bum.

Ingredienti e dosi del Bloody Maria

  • 45 ml di tequila
  • 90 ml di succo di pomodoro
  • succo di mezzo lime o limone
  • poche gocce di Salsa Worchestershire e Tabasco
  • sale e pepe
  • polvere di peperoncino per condire e orlare il bordo, solo per chi ama il fuego
  • opzionale: foglioline di coriandolo o maggiorana sminuzzate

Come preparare il Bloody Maria

Bloody Maria cocktail, cocktail con pomodoro tequila lime e peperoncino Il cocktail è abbastanza lineare, al momento sono previste alcune varianti, ma ogni cocktail con la tequila è difficile da modificare per via di quel gusto che sa di deserto, cascate al tramonto e rugiada lunare.

Spremete il lime e filtrate il succo. Il limone va bene lo stesso, anche se l’accoppiata lime e tequila è favolosa, fate un piccolo sforzo e procuratevi dei lime maturi al punto giusto.

Prendete un high ball, colmatelo con del ghiaccio e mettete il succo di pomodoro e di lime, la Salsa Worchestershire, la tequila, quindi condite con sale, pepe, Tabasco e se vi garba maggiorana o coriandolo fresco.

Rimescolate delicatamente e decorate a piacere.

Se vi piace il piaccante, prima di preparare il cocktail, mettete un po’ di peperoncino su un piatto, bagnate con uno spicchio di lime mezzo bordo del bicchiere e immergetelo nel peperoncino ruotandolo per farlo aderire bene. Togliete il peperoncino in eccesso e poi procedete con la ricetta aggiungendolo anche nel cocktail.

Ricordate che il Bloody Maria è un classico cocktail corroborante, un mangia e bevi favoloso, che merita decorazioni baroccheggianti e ostentate.

Il suo gusto speziato e tagliente è perfetto per un dopo cena scatenato, ma servitelo anche come aperitivo.

Ok, adesso che abbiamo visto la ricetta base, passiamo ad una variante più sbarazzina, chupito style, che chiameremo il Maria donde está mi pata de palo.

Ingredienti e dosi del cocktail Maria donde está mi pata de palo

  • 3 cl di tequila
  • 3 cl di succo di pomodoro
  • 1 pezzetto di sedano
  • maggiorana
  • succo di lime
  • 1 goccia di assenzio

Chupito con pomodoro tequila e lime cocktail Bloody Maria, ricetta cocktail Stesso procedimento, spremete il lime, mettete tutto in un bicchierino da chupito e poi servite. Ottimo come aperitivo rompi-ghiaccio per appuntamenti al buio, per animare una serata alla bocciofila o per una pausa in autogrill.

A luego muchachos!

Se vi piace la tequila, potrebbero interessarvi anche: l’Angelo di fuoco, La Fenice, Pocholito, Agua de Vita, Bocca di Rosa, Cocktail Sirenita, Margarita al cocomero, Devil’s Tongue al peperoncino e ovviamente il caro, vecchio Margarita.

Photo credits