Wine Dharma

Cantina Roberto Mazzi

Vigneti in Valpolicella. Degustazione di Amarone e visite alle cantina Mazzi Ulivi e vigneti convivono nella pace L’azienda agricola di Roberto Mazzi è una cantina storica di Negrar, nel cuore della Valpolicella, che produce vini di grande qualità dal 1958. A condurre la cantina oggi abbiamo i due figli Antonio e Stefano, molto attenti alla cura del vigneto, che consta di 8 ettari, perché se è vero che il vino si fa in vigna, questo vale ancora di più per Amarone e Recioto della Valpolicella. Due vini che troverete solo qui, figli di un terroir e condizioni uniche al mondo.

Filosofia della cantina Mazzi

Fare vino è un mestiere antico, servono pazienza, capacità e sensibilità per la terra. Bisogna imparare a interpretare le annate e a bilanciarle con l’appassimento, scegliere l’affinamento più adeguato di volta in volta, per modellare la grande sostanza di questi vini senza appesantirla con il legno, perché i vini possano evolvere, diventare eterei e densi di sapori.

Stile dei vini Roberto Mazzi

Interno con botti della storica cantina Roberto Mazzi, Valpolicella, Amarone. L'interno della cantina vi lascerà a bocca aperta In vigna abbiamo una selezione scrupolosa dei migliori grappoli, che vengono raccolti a mano e posti sulle arele per alcuni mesi, arrivando a perdere il 40% del peso. La felice concomitanza di fattori come la passione per la propria terra, la cura messa nel lavorare alcuni dei cru più vocati di tutta la Valpolicella, si traduce in una produzione eccezionale, di chiara matrice artigianale.

Lo stile dei vini è classico, elegante, giocato sull’equilibrio e sull’austerità che viene da un suolo a base di limo, argille e calcare. Bevuti adesso sono ottimi, ma il potenziale di invecchiamento è favoloso, almeno 10-15 anni per l’Amarone.

Perché dovreste visitare la cantina di Roberto Mazzi in Valpolicella?

Mulino in Valpolicella, annesso all'agriturismo Mazzi. Cucina tipica Verona. Non manca neanche il mulino, ormai in disuso, ma con un piccolo museo all'interno I sotterranei della cantina, con le botti allineate sotto le volte, sono uno spettacolo che ogni enoturista non deve lasciarsi sfuggire. Il tour enogastronomico continua nell’agriturismo dove potrete gustare i piatti della cucina Veronese e un delizioso brasato all’Amarone. Se volete soggiornare tra i vigneti della Valpolicella, ci sono anche camere immerse nel verde: un piccolo paradiso.

Amarone della Valpolicella Classico, Punta di Villa 2010

Tagliatelle al ragù di anatra. Quale vino abbinare? Amarone della Valpolicella! Tagliatelle al ragù di anatra da abbinare all'Amarone Veste rubino tendente al granato. Naso denso, intrigante, che si articola tra prugne e amarene sotto spirito, a cui fanno da contorno spezie dolci, china, eucalipto, after-eight, cola. Bocca ampia e sontuosa, di grande respiro, che si distende nitida, con strati di mineralità che vanno ad intrecciarsi a tannini poderosi, ma di grana finissima. Finale infinito scandito da note terrose. Da abbinare a spezzatino di cinghiale, risotto alla milanese con ossobuco, curry di agnello, rendang malese, risotto all’Amarone.

Recioto della Valpolicella Classico DOC, Le Calcarole 2011

Un Recioto di grande spessore con un bouquet straordinario. Confettura di ciliegie, violette appassite, prugne cotte, rabarbaro, tamarindo, anice, cacao a intermittenza, il tutto splendidamente incorniciato da spezie dolci. Se il naso è sontuoso, la bocca è dolce come un sogno da le mille e una notte, ma vivace, tesa, con sapidità e freschezza a mantenere il vino vibrante, di grande eleganza. Un Recioto dai tannini soffici da abbinare a cheesecake al cioccolato e cocco, formaggio di fossa, tiramisù.

Valpolicella Classico Superiore Vigneto Poiega 2011

Tartare con uovo. Quale vino da abbinare? Un Valpolicella è perfetto! Per il frutto del Valpolicella, scegliete una bella tartare! Rubino brillante. Apre con una turbine di frutti rossi in confettura e sotto spirito, dolcemente intervallati da pepe, rosmarino, carruba, sbuffi mentolati. Ad un naso aristocratico corrisponde una bocca calda, di bella ampiezza, molto carnosa e leggiadra, con i tannini che si aprono gradualmente in un finale luminoso, sapido. Un Valpolicella stiloso da abbinare a cosciotto di agnello al forno, tagliata al sale di Cervia, peposo toscano.

Valpolicella Classico Superiore Sanperetto 2013

Filetto di manzo in salsa di funghi. Quale vino abbinare? Valpolicella Classico! Filetto in salsa di funghi per i tannini succosi del Sanperetto Naso modulato su profumi freschi che sfumano lentamente tra petali di viola, iris e cardamomo. In bocca il frutto è tonico, succoso e avvolge tutto il palato lasciando una piacevole sensazione di freschezza. Buona persistenza con finale accompagnato da tannini decisi. Da abbinare a filetto al pepe verde, roast beef, tacchino arrosto con castagne.

Valpolicella Classico 2013

Rubino chiaro. Naso con profumi di marasca, more, violette e ritorni sapidi. Bocca freschissima e dinamica, con acidità affilata a buon equilibrio. Un vino che si può gustare anche in estate, leggermente fresco. Da abbinare a salumi, affettati, paella mista, brodetto di pesce, tataki di tonno con sesamo e salsa di soia.

Se volete acquistare i vini della cantina Roberto Mazzi oppure prenotare la vostra degustazione di Amarone della Valpolicella, contattare Antonio. Sconti e offerte per i lettori-associati Wine Dharma.
Email: [email protected]
Telefono: 0457 502072
www.robertomazzi.it
Come raggiungere la cantina Roberto Mazzi: via Crosetta 8, Frazione San Peretto, 37024 Negrar, Verona
Ettari vitati: 8
Bottiglie prodotte: 45000
Vendita diretta di vino e olio, sala di degustazione e agriturismo con cucina tipica della Valpolicella e possibilità di soggiorno.

Photo credits