Wine Dharma

Cantina Enio Ottaviani

Cantina Enio Ottaviani: degustazione dei vini, commento, informazioni, visite. Lo splendore delle colline di Rimini La cantina Enio Ottaviani è una delle realtà storiche più affidabili dei colli di Rimini, a San Giovanni in Marignano, dove vengono coltivati con grande passione vitigni autoctoni come Sangiovese, Pagadebit, Trebbiano, ma anche Cabernet Sauvignon e Riesling hanno trovato un suolo perfetto per dare ottime interpretazioni.

Filosofia della cantina Enio Ottaviani

Al timone della cantina oggi troviamo i quattro nipoti del fondatore Enio: Massimo, Davide, Marco e Milena, che hanno imboccato la strada della tradizione e della tipicità con un approccio dinamico. I vini devono essere specchio del territorio riminese: una terra calda, baciata dal sole e dalla brezza del mare.

Colli di Rimini. Cantine e turismo del vino. Cosa fare nei colli di Rimini. La barricaia: il caveau della cantina Massima cura in vigna con attenzione certosina per la potatura, rese basse e affinamento in legno dolce: devono essere i sapori naturali del vitigno a dettare il tempo. I terreni sono composti da argille e calcare e il sistema di allevamento è il Guyot per i rossi e il capovolto per i bianchi.

Stile dei vini Ottaviani

La gamma dei vini è variegata, di buona qualità con all’apice il Sangiovese. I vini bianchi sono floreali e sapidi, precisi, beverini e perfetti per accompagnare piatti di pesce. I rossi, specialmente il Sangiovese, sono l’orgoglio della cantina, con estrazioni importanti, profondità e struttura poderosa, ma quello che emerge è l’eleganza del tratto, la sontuosità del frutto.

Perché dovreste visitare la cantina Enio Ottaviani?

Degustazione, vendita vini dei Colli di Rimini e visita in cantina a Coriano.   In cantina vi attende una visita calorosa con assaggi di vini e prodotti tipici come Formaggio di Fossa e Piada! I vini Ottaviani sono impeccabili sul piano tecnico e ciononostante offrono una grande vitalità, personalità e assaggiandoli il vostro palato sarà sommerso da un’esaltante trama di sapori. Da non perdere nelle vicinanze della cantina Gradara, un piccolo borgo di origine medioevale perfettamente conservato, sulle cui mura è possibile fare una passeggiata godendosi il panorama spettacolare: da una parte il mare e dall’altra le colline verdi dell’entroterra.

Sole Rosso Sangiovese di Romagna DOC Riserva

Pappardelle al ragù e Sangiovese di Romagna dei Colli di Rimini. Abbinamento. Pappardelle al ragù e Sangiovese, amore a prima vista! Sangiovese in purezza, di grande stoffa. Veste rubino. Il bouquet è complesso, etereo, intrigante, estremamente tipico con ciliegie sotto spirito, menta, caffè che si aprono lentamente su un letto violette e fiori appassiti. In bocca è sontuoso, caldo, ampio sia nella struttura che nei ritorni di frutta in confettura e spezie. Equilibrio e tannini decisi, ma vellutati fanno il resto. Un Sangiovese raffinato per bistecca alla fiorentina, fagiano al tartufo, anatra laccata alla pechinese, stinco di cinghiale.

Novecento28, Rubicone IGT Rosso

Sangiovese e un piccolo saldo di Cabernet e il risultato è un grande vino. Granato. Naso preciso, pungente, ricco di mirtilli sotto spirito, confettura di prugna, cacao, more, rabarbaro, il tutto incorniciato da spezie dolci. Se il naso è fine, in bocca è statuario, scolpito da una sapidità che accarezza il palato con grazia e a lungo. Tannini setosi, ma di grana finissima, con ritorni terrosi di liquirizia. Un vino armonico, denso, di grande eleganza, che merita piatti sostanziosi come brasato, tagliolini al ragù di lepre, risotto alla milanese, moussaka.

Sinfonia 2012, Chardonnay Rubicone I.G.T. Frizzante

Tortelli di zucca e pesce abbinati ad un vino sapido e pieno come lo Chardonnay Un piatto di cappellacci di zucca con scampi e il Sinfonia sono da urlo! Uno Chardonnay vivace prodotto con metodo Charmat. Naso delicato con pesca, salvia, nocciole e una fresca cascata di fiori a chiudere. Bocca tesa, pulita, con scie sapide a rendere il vino piacevole. Un bianco che vi accompagnerà per tutta l’estate: dal fritto di pesce, al sushi passando per uno spaghetto alle vongole.

Caciara Sangiovese di Romagna DOC Superiore

Rosso rubino. Naso classico con ciliegia, more e violette in bella sequenza. Al palato scorre felpato con profondità e finezza, sospinto da tannini morbidi e una freschezza sempre equilibrata. Questo Sangiovese sarà il re delle vostre grigliate, ma è ottimo anche con un pecorino stagionato o una piadina alla porchetta.

Clemente Primo Gold, Bianco Rubicone IGT

Ceviche de mariscos. Cosa abbinare al cevice. Un vino fresco, acido, Riesling. Ceviche de mariscos per un vino complesso come il Clemente Primo Gold Colore dorato intenso. Naso fine, elegante, molto particolare, con toni floreali, ritorni minerali tipici del Riesling, pesca matura, mela caramellata e delicate scie vanigliate. In bocca è ampio, morbido, aggraziato, molto piacevole, giustamente corposo con acidità equilibrata. Da abbinare a sushi, pesce in umido, polpo coi fagioli.

MaDa 2012, Chardonnay Rubicone IGT

Giallo paglierino scintillante. Frutto caldo, pieno che emerge da un turbine di petali di acacia e pesco. Burroso al punto giusto, rinfrescato da note sapide e di agrumi. Bocca perfetta, sontuosa, ma che mantiene una freschezza di fondo elettrizzante. Persistente. Da abbinare a crostacei, cozze gratinate, passatelli agli scampi.

Filare 15, Cabernet Sauvignon Rubicone

Agnolotti al tartufo. Quale vino abbinare? Un vino con note terrose: Cabernet. Agnolotti al tartufo da abbinare alle note terrose del Cabernet Veste rubino scuro. Note dolci di frutta matura: susine e more in bella evidenza e richiami delicati di erbe. Sottofondo minerale di grande finezza. Bocca calda con apertura morbida ma sempre affilata, stiamo parlando di un Cabernet dal quadro aromatico complesso e pieno, ma sempre molto elegante, mai marmellatoso. Tannini fini e buon potenziale di invecchiamento. Da abbinare ad arrosti, arista al forno, filetto al balsamico, anatra all’arancia.

Primalba, Sangiovese di Romagna DOC

Se il buon giorno si vede dal mattino allora il Primalba annuncia una giornata splendida. Il Sangiovese base di casa Ottaviani è un vino gustosissimo, pulito, bevibile a non finire. Ciliegie, more, cardamomo, viole in bella sequenza. Al palato p fresco, sapido, di ottima beva e con un finale in cui i tannini si aprono su sapori terrosi. Sangiovese da abbinare a costata di Vitellone Romagnolo, pollo alla cacciatora, filetto ai porcini.

Tresoli, Trebbiano di Romagna DOC

Capesante con olive, finocchi e arance. Quale vino abbinare? Un Trebbiano fresco Le capesante gratinate trovano equilibrio con la freschezza del Trebbiano Classico e profumato. Trebbiano in purezza per una bottiglia che punta su leggerezza e armonia. Pesca, mela e fiori bianchi si intrecciano ad erbette aromatiche, creando un naso accattivante. Bocca sapida, improntata alla vivacità con ritorni marini e scorrevolezza infinita. Da abbinare a rombo al forno con patate, branzino al sale, insalata di granchio.

Se volete acquistare i vini della cantina di Enio Ottaviani o fare una passeggiata tra botti e splendidi vigneti contattare Massimo.
[email protected]
Telefono: 0541 952608
Come raggiungere la cantina Enio Ottaviani: via Panoramica 187, San Giovanni in Marignano, Rimini
Enologo: Enrico Bortolini
Vendita diretta, sala di degustazione

Photo credits