Wine Dharma

Cantina Dianetti

Scheda, prezzi, informazioni ed email della cantina Dianetti vini DOCG Marche. Lo splendore della Val Menocchia L’Azienda Agricola Dianetti è una piccola cantina a conduzione familiare che sorge tra le splendide colline della Val Menocchia, nel pieno di un’oasi naturalistica, a Carassai in provincia di Ascoli Piceno, una zona ad alta vocazione vitivinicola fin dai tempi dei Romani.

Al timone della cantina abbiamo Emanuele Dianetti, che aiutato dall’esperienza della madre Giuliana, sta portando avanti un progetto ambizioso di coltivazione sana e naturale, seguendo la tradizione marchigiana, ma senza rinunciare a produrre vini ricchi di personalità.

Filosofia della cantina Dianetti

Degustazione e visita della cantina Dianetti. Ascoli Piceno. Val Menocchia Emanuele Dianetti La filosofia della cantina è quella di portare avanti la tradizione producendo vini che siano testimoni del territorio, mettere l’anima nel proprio vino. Intensità e stile inconfondibile che si raggiungono con duri sforzi in vigna dove tutto è fatto a mano, cordone speronato come forma di allevamento, rame e zolfo per i trattamenti.

I vigneti nella Val Menocchia godono di una posizione ideale, baciati dal sole e rinfrescati dalle brezze del mare e se a ciò uniamo terreni a base argillosa-calcarea e la sensibilità di una vignaiolo attento alla sostenibilità, ma anche alla grande qualità delle uve, il risultato non può che essere uno stile unico.

Vigne di Montepulciano in autunno. Foliage autunnale nelle colline delle Marche Gli splendidi colori dell'autunno marchigiano! Gli ettari sono 5, coltivati personalmente da Emanuele, che con il tempo sta diventando un interprete sempre più importante e sensibile del Piceno, non a caso nei suoi 5 ettari ogni operazione è fatta a mano, perché tutto sia perfetto e i vitigni coltivati sono quelli tipici del territorio: Pecorino, Passerina, Montepulciano e Sangiovese.

Stile dei vini della cantina Dianetti

Torchio, fermentini, botte acciaio cantina, interno della cantina Dianetti. L'interno della cantina I vini riescono in una grande impresa, rara al giorno d’oggi: trasmettere naturalezza, carattere ed eleganza ad ogni sorso. Riassumono senza sforzo le caratteristiche uniche del terroir del Piceno, merito delle basse rese e di una vinificazione precisa che predilige intensità, ricchezza di estratto e pulizia di stile.

Le etichette sono poche, ma buone come si suol dire: tutti vitigni autoctoni e grazie ad un’ottima escursione termica tra giorno e notte profumi, sapori e vivacità sono sempre in primo piano.

Da non perdere nelle vicinanze

Dopo una bella degustazione di Montepulciano e Pecorino da Dianetti, visitate Montalto delle Marche, a pochi chilometri, un paesino che sorge nel verde delle colline, circondato da mura e torri di origine medievale. Il Duomo dell’Assunta, con affreschi di Luigi Fontana, è un capolavoro del patrimonio italiano.

Vigna Giulia Montepulciano Marche Rosso I.G.T.

Anatra arrosto con patate. Quale vino abbinare all'anatra? Montepulciano Marche! Anatra e Montepulciano Un Montepulciano di grande eleganza. Sei mesi sulle fecce nobili a cui segue un periodo di un anno e mezzo in tonneaux di rovere francese. Colore rubino, naso generoso e profondo con piccoli frutti di bosco, amarene sotto spirito e prugne in confettura. Sontuosa la cornice speziata a cui fanno eco sfumature terrose di liquirizia e rabarbaro. Al palato è caldo, molto ampio e vitale, scorre con naturalezza, scandito da tannini serrati, ma fini. Buon equilibrio tra alcol, freschezza e sapidità. Finale lungo in cui riemerge un frutto strepitoso. Potenziale di invecchiamento di almeno 10 anni buoni. Un Montepulciano da abbinare a vincisgrassi, costolette di agnello all’aceto balsamico, filetto al pepe verde.

Vigna Giulia Pecorino Offida D.O.C.G

Linguine al pesto con pomodoro, perfette per un vino sapido come il Pecorino Linguine al pesto con pomodoro, perfette per un vino sapido come il Pecorino Colore dorato con riflessi verdognoli. Naso vivace che alterna eleganti sensazioni di limone, acacia, camomilla, burro, nocciole, il tutto evidenziato da un sottofondo minerale intrigante. In bocca è rotondo, avvolgente, con picchi di sapidità che donano profondità al vino. Buono l’equilibrio tra freschezza e frutto. Finale lungo, pieno di fiori e un ricordo di mare. Da abbinare a tortelli ricotta e spinaci al burro e salvia, antipasto di salumi, orata al forno con pomodorini, gnocchi al gorgonzola, risotto ai frutti di mare fajitas di pollo coi fagioli..

CeKàre, Marche Rosso I.G.P.

Tajarin di trenta uova e farina del mulino Marino al Ragu di Salsiccia Tajarin al ragù di salsiccia Rosso rubino intenso. Offre un bouquet elegante complesso a base di frutta matura, ribes nero e amarena, a cui si intrecciano stuzzicanti note di pepe e ginepro tipiche del Syrah, il tutto incoronato dalle sensazioni di mora tipiche del Merlot. Sorso pieno, vellutato, trama tannica fitta, di ottima fattura, con sviluppo ampio. Nel finale si apre a sapori di sottobosco. Vino dal grande carattere, da abbinare a carni rosse, anatra laccata alla pechinese, fegato alla veneziana, hamburger americano con peperoni, spalla di agnello farcita, faraona al timo.

Lulù Passerina, Offida D.O.C.G.

Ciotola di Pesce crudo, Chirashi Don. Cibo, pesce giapponese. Vino Passerina Pesce a volontà per questo succoso vino bianco! Paglierino e luminoso. Al naso apre con intriganti note di fiori bianchi, banana, pesca scanditi con stile e naturalezza. In bocca è fresco e vibrante, come deve essere questo vitigno, dai profumi delicati e il grande equilibrio. Sapidità a mantenere vivo l’interesse fino ad un finale succoso. Un vino bianco con una bevibilità pazzesca. Da abbinare a spaghetti con le telline, carbonara di mare, sogliola alla mugnaia, carpaccio di ricciola, branzino al sale.

Rosa Rosis Marche Rosato I.G.P.

Tartare di tonno. Tonno crudo a cubetti. Quale vino abbinare? Un rosato claro! Tartare di tonno per la sapidità del Rosa Rosis Montepulciano vinificato in bianco per un rosato delicato, dal naso esplosivo: fragoline, ribes, menta, fragole, pompelmo rosa e ritorni minerali con scia di erbe aromatiche. Sul palato è guizzante, caldo, affilato, con bella progressione. Lascia la bocca soddisfatta e pulita, con un retrogusto di rosa. Perfetto come aperitivo, ottimo con ciauscolo e pane caldo, ideale anche per un carpaccio di branzino al pompelmo, risotto alla zucca.

Se volete acquistare i vini della cantina Dianetti oppure prenotare la vostra degustazione in cantina, contattare Emanuele Dianetti. Sconti e offerte per i lettori-associati Wine Dharma.
Email: [email protected]
Telefono: 338 3928439
www.dianettivini.it
Come raggiungere la cantina Dianetti: C.da Vallerosa, 25, Carassai, Ascoli Piceno. Uscita casello di PEDASO, continuare su s.s.16 direzione sud fino a Cupramarittima, girare a dx su incrocio verso CARASSAI, proseguire lungo la Val Menocchia in direzione Carassai - Montalto, ci troverete dopo 15 Km svoltando a dx su imbocco c.da VALLEROSA.
Servizi delle cantina: vendita diretta vini, visite nei vigneti, sala di degustazione.

Photo credits