Wine Dharma

Champagne Brut Dom Perignon 2009: prova d'assaggio di un vino leggendario

Champagne Brut Dom Perignon 2009 recensione, commento e prezzo Lo Champagne Brut Dom Perignon 2009 è uno di quei vini per cui è possibile fare follie, ma soprattutto è la dimostrazione vivente che lo Champagne, quello vero con uno spessore minerale all’altezza, devono evolvere in bottiglia.

L’annata è il 2009, anno caldo e solare che ha permesso al vino di raggiungere un maturazione tempestiva e senza stress. Uve che ricordiamo per lo Champagne Brut Dom Perignon provengono da  Grand Cru per quel che riguarda lo Chardonnay e dai Premier Cru Hautvillers e Vertus per quel che concerne il Pinot Noir. Vinificazione in acciaio e poi sosta sui lieviti per 72 mesi.

Il risultato è uno Champagne di pura roccia e seta, un nettare che sa unire un tocco decadente, maturo e speziato al carattere tenebroso del Pinot Noir.

Il bouquet dello Champagne Brut Dom Perignon 2009

Pompelmo, menta, spezie si avvicendano creando un turbine di profumi, incorniciati da nocciole, vaniglia e i classici ritorni di pasticceria dei lieviti. Il tutto è rimarcato da un’ariosa nota marina: è come aprire un’ostrica. Finezza e compostezza uniche, tutto è integrato alla perfezione in un’armonia favolosa. Finale di anice e ananas.

Il sapore dello Champagne Brut Dom Perignon 2009

L’acidità è siderale, la sapidità pungente, gli agrumi sono intagliati nelle onde del mare e la maturità dei lieviti è leggendaria. La progressione salata è magistrale, innerva tutto il vino, è sempre dinamica, ma è la polpa a dare distensione al sorso. Anche se quello che lo rende unico è quel tono carnoso che lascia una sapore di cipria, pesca e nocciole, appena ossidato, nutty, oltraggiosamente sensuale. Finale infinito con persistenza stupefacente.

Al momento è perfettamente equilibrato, sfacciato nella salinità, ma evoluto, etereo e goloso. Diciamo pure che ha raggiunto il suo apogeo. Forse non è così ampio e naturale nello sviluppo come lo Champagne Brut Dom Perignon 2008, e anche meno longevo, ma il momento di berlo è questo, altrimenti si rischia di smussare quella scintilla di freschezza così focosa.

Prezzo dello Champagne Brut Dom Perignon 2009

150: un buon investimento.

Abbinamenti consigliati per lo Champagne Brut Dom Perignon 2009

Champagne Brut Dom Perignon 2009 abbinamenti, pasta con cozze e fagioli Pesce, thai, indiano, cucina giapponese, pasta, carni bianche, pollame, tortelli di zucca alla mantovana, spaghetti alle vongole, spaghetti di riso con gamberi e verdure, maiale in agrodolce, vitello tonnato, ravioli di erbette alla parmigiana, risotto al tartufo, spaghetti alla carbonara, tagliatelle ai porcini.

Photo credits