Informazioni sull’uso dei cookie

Questo sito fa uso di cookie di profilazione di terze parti per la visualizzazione di annunci pubblicitari. Se accetti questo avviso, fai scorrere questa pagina o accedi a un’altra pagina del sito, acconsenti all’uso di questi cookie. Per ulteriori informazioni o negare il consenso, consulta l’informativa sulla privacy.

Wine Dharma

DharMag settembre 2017 Birra La Chouffe: recensione, commento, prezzo e abbinamenti della birra dello gnomo!

La Chouffe birra recensione, commento prezzo e abbinamenti, birra artigianale La Chouffe è un’icona pop, una delle prime birre di qualità che sono uscite e si sono fatte un nome, ben prima che scoppiasse con fragore la birra mania italiana. In pizzeria la Chouffe era il top of the pop, la bottiglia, assieme all’altra mitica Franziskaner di Monaco. Ricordo ancora quando ne comparai 12 bottiglie, mi sentivo un dio dorato, la prima vera scorta in cantina di birra di qualità.

Il suo sapore agrumato, fruttato, ma con quel tocco speziato finale mi ha fatto innamorare.

Ma gli anni sono passati, anche per questa bionda belga e possiamo dire ancora oggi che la Ciuffe è una buona birra?

La domanda del secolo: ”Come è la Chouffe, la birra dello gnomo dal cappello rosso?”

È buona?

Che tipo di birra è?

Prima di tutto è una Pale Ale ad altra fermentazione prodotta nella Ardenne dal birrificio d’Achouffe.

In mezzo al caleidoscopio bizzarro e rutilante del panorama italiano delle birre artigianali, la Chouffe stenta un po’. Ormai il concetto di birra è cambiato, si parte da una sperimentazione, ingredienti esotici, accostamenti azzardati.

Tutti sono creativi, certo che chi produce ottime bottiglie e chi fa ciofeche orripilanti, ma la Chouffe non è cambiata. È sempre quella. E può essere un pregio per molti che cercano una birra fresca, tagliente, non troppo polposa e leggermente speziata.

Perché la Chouffe ha come unico botanicals il cardamomo ed è un caso raro ormai in questo periodo di esasperazione gustativa, di ricerca spasmodica di un’estetica del gusto raffinato e compiaciuto.

Ma veniamo ai fatti. La Chouffe è ancora arzilla, forse non pirotecnica come le birre a cui siamo ormai abituati, ma ha un grande equilibrio. È bilanciata nel rapporto tra toni amari, non troppo intensi, acidità stuzzicante, ma sotto controllo, e una maltatura delicata, che dona corpo e vivacità al sorso.

Nel complesso è una birra dal sapore delicato, con il cardamomo a fare da padrone, che va servita a 6-8 gradi, ottima come aperitivo. Ma attenzione, sebbene sia una birra non troppo impegnativa e sbarazzina, ha sempre 8 gradi. Non proprio scarica come gradazione.

Il bouquet della birra Chouffe

Naso fine, pulito, scandito da buccia d’arnacia, rosmarino, fiori e cardamomo. L’intensità è moderata, tutto modellato con cura, niente sbavature, niente acuti, ma tanta piacevolezza. È diretta e complessa quel tanto che basta per intrigare.

Il sapore della birra Chouffe

Bocca di media intensità, potremmo dire quasi delicata, con sapore amaro non troppo spinto, sotto controllo, freschezza che sostiene la beve e poi c’è quel finale speziato che chiude su rimandi floreali di rose. Una bevuta senza troppe pretese, mai ripetitiva o scontata, ma non eccessivamente profonda come complessita.

Una birra onesta che sa fa il suo sporco lavoro.

Abbinamenti consigliati per la birra Chouffe

Pizza bianca rosmarino e stracchino, arancini piselli

Photo credits