Wine Dharma

DharMag marzo 2017 Vermouth rosso Antica Torino: recensione, commento, caratteristiche e prezzo

Vermouth rosso dell’Antica Torino recensione e prezzo dei migliori vermouth La febbre del vermut non si ferma, anzi siamo nell’occhio del ciclone con nuove bottiglie che escono ogni giorno.

E oggi parleremo ancora di un vino di grande eleganza: il vermouth rosso dell’Antica Torino.

È uno sweet vermouth molto preciso e ampio, raffinato, con netti richiami di radici, china ed erbe alpine a non finire, ma un equilibrio favoloso.

Il suo più grande pregio è la dolcezza moderata, non è stucchevole e soprattutto questa rotondità in bocca non è invadente e mai statica, ma ben fusa nella struttura generale di questo vermut.

Fin troppo spesso si tende a notare nei vermouth rossi una dolcezza sbilanciata, goffa, disunita dal corpo generale, messa lì giusto per tenere tutto insieme.

Invece in questo vermouth la dolcezza scema in secondo piano, fa da altare ad una gamma di sapori amari deliziosi, sfumati con grande maestria.

Se state cercando uno sweet vermouth ben saldo e rigoroso lo avete trovato.

Ma andiamo al commento.

I profumi del vermouth rosso dell’Antica Torino

Apre con una sarabanda di radici: china, rabarbaro, liquirizia, ginseng, a cui si affiancano decise note calde di spezie e una frutto maturo, ma agile. Agrumi, coriandolo e cannella a chiudere con brio.

Il sapore del vermouth rosso dell’Antica Torino

Bocca densa e profonda, dettata da un rincorresi di sapori amari e dolci ben declinati, inseriti in un corpo robusto, ma dal passo agile che scorre come velluto. La dolcezza c’è, è carezzevole, e fa da spalla a sapidità moderata.

Concludendo è un vermouth complesso, corposo, caratterizzato da finezza, equilibrio e una persistenza splendida, ma che non risulta mai difficile da leggere.

Quali cocktail preparare con il vermouth rosso dell’Antica Torino

Negroni cocktail, cocktail con vermouth rosso, sweet vermouth e gin Prima di tutto in purezza con scorza di arancia e soda. Poi potete passare al Manhattan, Americano, Negroni.

Photo credits