Informazioni sull’uso dei cookie

Questo sito fa uso di cookie di profilazione di terze parti per la visualizzazione di annunci pubblicitari. Se accetti questo avviso, fai scorrere questa pagina o accedi a un’altra pagina del sito, acconsenti all’uso di questi cookie. Per ulteriori informazioni o negare il consenso, consulta l’informativa sulla privacy.

Wine Dharma

DharMag luglio 2017 Le ricette di Naked Nick: come fare il cocktail Cocco Bello, l'aperitivo dell'estate 2017

Cocco Bello Cocktail, aperitivo alcolico leggero con cocco e menta, ricetta Il cocktail Cocco Bello è un long drink dissetante, leggero e tremendamente aromatico, fatto con pochi ingredienti, ma che miscelati insieme diventano pura poesia dell’ebbrezza.

Il cocktail Cocco Bello è un classico aperitivo estivo da sorbire in queste serate infuocate di luglio oppure in spiaggia al calar del sole. Quello che è certo è che da oggi, quando sentirete urlare Cocco Bello sulle spiagge pretenderete questo drink, questo cocktail da aperitivo che viene servito con eleganza in una noce di cocco e non il solito cocco a pezzi.

A parte le fandonie, la preparazione del cocktail Cocco Bello è abbastanza impegnativa: serve un lavoretto di sega e poi scalpello e martello cesellare coma abili scalpellini medievali il bordo. Come vedete dalle foto, per il nostro Naked Nick è un giochetto da ragazzi, ma non è così semplice!

State attenti a non mutilarvi e non rovesciare il nettare del cocco e assicuratevi di usare per questo aperitivo noci di cocco fresche. Altrimenti troverete poca acqua di cocco dentro: e sarebbe davvero un peccato, con quel che costano!

Bene, passiamo agli ingredienti del Cocco Bello cocktail: acqua di cocco, sambuco, menta, creole bitters e poi vi aspettereste il solito rum. Certo cocco e rum sono un’accoppiata strepitose, ma un po’ prevedibile. E allora abbiamo giocato con i distillati e ci sono due possibilità.

La prima, la più fresca, giovane e rampante vede l’impiego della tequila. In questo modo il Cocco Bello è profumatissimo, tagliente, lisergico e roboante, ma forse più difficile come gusto.

La seconda ricetta del Cocco Bello prevede il Brandy e qui è come calciare un rigore a porta vuota. Il calore e la morbidezza del brandy sono favolosi per le sinergie che creano con l’acqua di cocco. Il drink è più abboccato, morbido e avvolgente.

Dipende dal vostro umore, dall’occasione e dall’ora, ma vale la pena provarli entrambi.

E adesso, prendete una sega e dateci dentro!

Ingredienti e dosi di cocktail Cocco Bello

  • 4 cl di tequila o brandy
  • 1 cl di sciroppo di sambuco
  • 4-5 foglie di menta
  • 1 noce di cocco
  • soda
  • 2 gocce di creole bitters

Come fare il cocktail Cocco Bello, l’aperitivo dell’estate 2017

Naked Nick il barista nerboruto taglia con una sega una noce di cocco, ricetta Prendete una seghetto e tagliate l’estremità superiore della noce di cocco. L’esercizio è ottimo anche per bruciare qualche caloria, come ci mostra il nostro nerboruto Nick.

Noce di cocco per cocktail, come tagliare e usare il cocco per fare cocktail Con un coltello robusto o scalpello e martello rifinite il bordo.

Se lavorate di scalpello il cocco sarà più sfaccettato, ma bisogna lavorare di cesello.

Raccogliete l’acqua di cocco e filtratela per eliminare ogni possibile impurità.

Naked Nick prepara un aperitivo leggero, alcolico con tequila cocco e menta Mettete tutti gli ingredienti, a parte la soda, in uno shaker con ghiaccio.

Modello muscoloso nudo in cucina con shaker in mano e bicipiti erculei Agitate per 20 secondi con brio ed gioia di vivere.

Cocktail, le migliori ricette cocktail, come fare i cocktail, corso di barman Versate nella noce di cocco. Allungate con un goccio di soda.

Aperitivo alcolico leggero nel cocco, cocktail con menta nella noce di cocco Annunciate con voce squillate il “Cocco Bello!” e servite il nuovo aperitivo dell’estate 2017.

Se siete amanti della tequila, potrebbero interessarvi anche: la Tequila Sunrise, Angelo di fuoco, La Fenice, Pocholito, Agua de Vita, Bocca di Rosa, Cocktail Sirenita, Margarita al cocomero, Devil’s Tongue al peperoncino e ovviamente il caro vecchio Margarita.

Photo credits