Informazioni sull’uso dei cookie

Questo sito fa uso di cookie di profilazione di terze parti per la visualizzazione di annunci pubblicitari. Se accetti questo avviso, fai scorrere questa pagina o accedi a un’altra pagina del sito, acconsenti all’uso di questi cookie. Per ulteriori informazioni o negare il consenso, consulta l’informativa sulla privacy.

Wine Dharma

DharMag luglio 2015 Cocktail Martini: la ricetta originale, gli ingredienti, le dosi e la storia del re dei cocktail

Cocktail Martini ricetta originale, gli ingredienti, le dosi e la storia. Distillato d'eleganza Il cocktail Martini, conosciuto anche come Dry Martini, è il Cocktail per eccellenza. Il padre di tutti i drink chiamati Martini, che hanno visto il proliferare delle varianti come Vodkatini, Apple Martini, Sweet Martini, solo per citare i più illustri.

Si usa dire che il Martini è il banco di prova di ogni barman, perché è lì che si vede la bravura, la sensibilità e il tocco del professionista, ma è anche il banco di prova dei bevitori.

Cocktail Martini Dry, ricetta originale. Coppetta con cocktail a base di gin Il cocktail è spartano, ma pur avendo due soli ingredienti è un arcobaleno di gusto. La ricetta parla chiaro 3/4 di gin e 1/4 di vermut dry, ma in realtà c’è chi sporca solo il ghiaccio con un filo di vermut, come nel caso del Martini alla Hemingway o chi lo vuole più dolce o chi ci mette l’oliva o chi la ripudia. È uno specchio in cui si riesce a cogliere l’anima di chi sta bevendo.

Storia del cocktail Martini

Il padre spirituale del Martini è il cocktail Martinez, un miscelato mitico dei bei tempi andati della corsa all’oro americana, 1850, uno dei primi cocktail ad unire vermut e gin, anche se la ricetta prevede(va) vermut rosso e alcune gocce di bitter.

Con gli anni, il Martinez muta, fino a sfociare in un cocktail molto più secco, snello, di concezione moderna. Per il resto ci sono solo congetture e dicerie sulla sua nascita: un leggendario bartender chiamato Martini, motivi pubblicitari, ma c’è anche chi sostiene, non senza buone ragioni, che derivi dal Manhattan, (whiskey e vermut rosso), cocktail datato 1874.

Martini, una scelta di vita

Martini cocktail ricetta originale, cocktail Martini, Dry Martini, cocktail con Il Martini è un ottimo aperitivo con il suo gusto asciutto che lascia il palato sempre pulitissimo, ma non è un drink facile, serve una bocca abituata ai sapori forti. Diciamo che ci si arriva con il tempo, e fate attenzione al grado alcolico, non proprio leggero.

Chi ordina il cocktail Martini non solo beve un drink, ma ogni volta gode nell’osservare il rituale della preparazione, pregustando l’incontro con questo prelibato nettare. E allora vediamo come preparare questo elisir con la ricetta originale e qualche consiglio su cosa o non fare per il Martini perfetto.

Ingredienti e dosi per fare il cocktail Martini

  • 6 cl di gin
  • 1 cl di vermut dry
  • scorza di limone
  • ghiaccio

Come fare il cocktail Martini

Coppetta Martini con ghiaccio, scuola di cocktail con la ricetta del Martini Mettete del ghiaccio in una coppetta per raffreddarla.

Colmate un mixing glass con ghiaccio, versare il vermut e il gin, quindi rimescolate.

Cocktail Martini miscelazione. Mixing glass, strainer. Coppetta. Bartender. Gettate il ghiaccio dalla coppetta e versate il cocktail, filtrando.

Cocktail Martini con scorza di limone. Preparazione del cocktail Martini. Prendete la scorza di limone e strizzatela sopra la superficie del cocktail, in modo che gli oli essenziali del limone possano profumare il cocktail.

Cocktail Martini con olive, cocktail con gin vermut e olive. Ricetta originale. Per quanto siano stilose le olive nella coppetta, non mettetele mai Se volete servite olive in salamoia a parte.

Suggerimenti: cosa fare o non fare per un Martini perfetto

  • Mai e poi mai shakerare il Martini, il ghiaccio lo allungherebbe, abbassando il grado alcolico e diluendo i sapori.

  • Mai e poi mai mettere le olive nel bicchiere. Servitele a parte, chi vuole ci può inzuppare anche un cornetto alla crema, ma il cocktail va servito puro. Se proprio volete metterle sciacquatele prima, altrimenti diventa un Dirty Martini.

  • Il gin è fondamentale e deve essere di qualità, ma ancora più importante è il vermut, cercate una bottiglia artigianale e ne userete sempre meno, “less is more”.

  • Lo spettro gustativo del Martini è infinito; partite dalla ricetta base, ma poi trovate il grado di dolcezza che volete. Non esiste la ricetta definitiva, ma quella che piace a voi.

Quali piatti abbinare al Martini cocktail?

Stoffa e struttura, il Martini adora pesce, cibi affumicati e pasta. Piatti consigliati: pasta con gamberi e asparagi, reginette con pesto e seppie, polpette di pesce, salmone in salsa teriyaki, maiale in agrodolce, riso alla cantonese.

Photo credits