Informazioni sull’uso dei cookie

Questo sito fa uso di cookie di profilazione di terze parti per la visualizzazione di annunci pubblicitari. Se accetti questo avviso, fai scorrere questa pagina o accedi a un’altra pagina del sito, acconsenti all’uso di questi cookie. Per ulteriori informazioni o negare il consenso, consulta l’informativa sulla privacy.

Wine Dharma

DharMag febbraio 2012 Paella mista di carne e pesce: ricetta spagnola

Paella di carne e pesce. Paella mista con cozze e chorizo. Scopri la ricetta. Mi sono trasferita in Italia da quasi 20 anni ed ormai è questa la mia casa, ma il mio cuore rimane in Spagna. Ogni anno torno a trovare parenti e amici e ogni volta mi stupisco per le differenze che noto, non solo nello scorrere del tempo, nel carattere, ma anche nel gusto. Ormai anche il mio palato si è convertito al “sapore Italia”.

Ma la paella non cambia mai, è il sapore di quando ero piccola, il mio biscottino proustiano se vogliamo dirla così. Oggi voglio proporvi la ricetta che si prepara nella mia famiglia da generazioni, non è la classica paella valenciana, ma quella mista, rustica e piena di sapori e colori che ricordano la mia terra. Quella che si prepara in ogni casa, per le ricorrenze, quella che mia madre mi prepara quando torno a casa.

Ingredienti per la paella mista di carne e pesce

Per 6-7 persone

  • Riso 500 grammi
  • Vongole 500 grammi
  • Gamberi 250 grammi (usate le teste per il brodo)
  • Cozze 300 grammi
  • Alette di Pollo o cosce (potete usare anche il coniglio)
  • Lonza di maiale 300 grammi e 200 grammi di chorizo
  • Brodo di pesce
  • Piselli 150 grammi
  • 1 Cipolla, 2 pomodori maturi, ½ peperone Rosso, ½ peperone Verde
  • Aglio, due spicchi
  • Zafferano
  • Prezzemolo e Alloro
  • Olio extra vergine di oliva, sale e pepe q.b.
  • Un cucchiaino di paprika

Come preparare una paella mista perfetta

Quali sono i segreti per preparare una paella perfetta? Ecco la nostra ricetta! Alcuni pensano che il segreto della Paella sia quello di mettere il riso e di non rimescolare Mettiamo due cucchiai d’olio in una padella e aggiungiamo i mariscos, sfumiamo con un dito di vino blanco e lasciamo cuocere per circa 8-10 minuti, finché non si aprono i gusci. Tagliamo il pollo, la salsiccia e la lonza a pezzetti.

Versiamo tre cucchiai di olio nella padella dove cuoceremo la paella, facciamo appassire dolcemente l’aglio schiacciato e poi togliamolo per evitare che bruci lasciando un sapore amaro. Aggiungiamo il pollo, la lonza e la salsiccia e lasciamo dorare: è molto importante cuocere bene la carne per renderla croccante, solo alla fine aggiungeremo l’alloro per un tocco di profumo. Togliamo la carne e mettiamola da parte.

Quale vino abbinare alla paella? Un Chianti fresco, fruttato, con tannini dolci. Portate la padella in tavola e sarà un successo Adesso sminuzziamo la cipolla, facciamola soffriggere, dopo tre-quattro minuti aggiungiamo il pomodoro, sbucciato e a pezzetti, mi raccomando, e facciamo andare lentamente, quindi i peperoni a tocchetti (che avrete precedentemente saltato con olio, sale e pepe) e i piselli. Ancora un paio di minuti e aggiungiamo il riso e due bicchieri di brodo con lo zafferano, che si deve essere sciolto perfettamente, e un cucchiaino di paprika dolce. Ah, mi raccomando, non dimenticate di aggiungere il sughetto delle vongole che abbiamo cucinato in precedenza.

Continuiamo la cottura a fuoco alto per dieci minuti, finché il riso non sarà asciutto, poi abbassiamo il fuoco e cuociamo per altri sette minuti.

Paella mista ricetta originale spagnola: cozze, pollo, gamberi, pesce e carne Quando il riso sarà pronto, aggiungiamo i mariscos, una spolveratina di paprika e il prezzemolo tritato, mescoliamo dolcemente, lasciamo riposare per cinque minuti e poi portate in tavola la padella.

Consigli della Jo per una paella mista perfetta

Colore e consistenza sono fondamentali, il piatto deve essere brillante, i chicchi ben sgranati, i mariscos non troppo cotti, per questo bisogna cuocere gli ingredienti separatamente per mantenerli integri: il gioco di consistenze deve sentirsi in bocca.

Riso bomba, riso spagnolo, quale riso usare per Paella mista di carne e pesce Riso. Comprate quello giusto, di Calasparra o bomba, ma anche l’Arborio può andare, l’importante è che non sia un Carnaroli: i chicchi devono essere fini. E soprattutto non cuocetelo come se fosse un risotto: deve andare dal fuoco vivo a lento e sul fondo della padella, di ferro ovviamente, deve formarsi una crosta dorata caramellata.

Ricetta spagnola della Paella mista con carne, frutti di mare e chorizo! Un classico Cava, sapido e con tanti piccoli frutti rossi, è una valida alternativa La paella è un piatto semplice: non sgusciate i mariscos né aggiungete ingredienti esotici, so che alcuni ci mettono il coriandolo fresco, non ci sta male, ma non c’entra niente. I sapori devono essere definiti e ben amalgamati, quindi solo ingredienti freschissimi, non servono chili di gamberoni imperiali, il bello di questa ricetta è che è possibile modificarla con quello che si ha a disposizione in casa: la mia è una versione spagnola muy rica che riassume un po’ le mie esperienze e sono sicura che non vi deluderà. Parola della Jo!

Quale vino abbinare alla paella mista di carne e pesce?

Ricetta tradizionale della paella mista con carne e pesce. Ottimo anche il Pinot Nel dubbio, puntate sul Pinot Nero: tannini delicati, freschezza e pochi gradi Possiamo veramente sbizzarrirci, abbiamo un gusto deciso, ma senza acuti, per cui lo scopo del vino sarà sottolineare il delicato equilibrio tra gli ingredienti e dare tanta freschezza. Il chorizo, il più intenso come sapore, non ha bisogno di chissà quale tannino; un po’ di erbe aromatiche nel vino non guasterebbero per via dell’alloro e del prezzemolo e ovviamente sapidità per armonizzare la dolcezza dei mariscos e delle verdure.

Lambrusco, Frappato, Montepulciano Cerasuolo e gli splendidi rosati pugliesi a base di Negramaro e Malvasia Nera, sono tutti ottimi vini da abbinare, ma sarebbe troppo facile, questi vini hanno un potere di abbinamento con il cibo assurdo e sarebbe come barare. E poi cerchiamo di trovare un vino simile al Tempranillo, non una Gran Riserva, ma vini joven, chiamati crianza, poco barricati, che puntano su freschezza e agilità per un abbinamento impeccabile con la Paella.

Ma se consideriamo peperoni e paprika, potremmo osare di più e scegliere il Grignolino d’Asti della cantina Sant’Agata, una sontuosa sintesi tra fiori, mandorle e sapidità, il tutto corredato da un tannino che mantiene una certa vivacità: l’abbinamento definitivo per la paella mista.

Se volete un abbinamento tutto spagnolo, preparate una bella caraffa di Sangria.

Ricetta di Johana Rueda Sanchez

Photo credits